Articoli con tag Sindaco

Lotta armata alla prostata

curcio

Ci mancava solo Renato Curcio. Il fondatore delle Brigate Rosse, mai pentito nè dissociato, una volta rivendicava gli attentati terroristici compiuti insieme al suo manipolo di esaltati, oggi rivendica la pensione. Segni dei tempi che cambiano. Alla lotta armata contro lo Stato imperialista e borghese, si è sostituita la lotta allo Stato disattento e non assistenzialista nei confronti dei rivoluzionari armati della terza età. Al mitra si è sostituito il catetere, alla rivoluzione proletaria la prostata ingrossata.

Insomma, bastava qualche acciacco, il diabete e la pressione alta, per fare apprezzare al compagno Curcio il valore della borghesissima pensione.

«Ho 67 anni – dice – e sono costretto a lavorare finchè potrò perchè l’Inps mi ha comunicato che non ho diritto alla pensione. Eppure ho lavorato nei vari carceri, ma risulta che non sono stati versati contributi adeguati. Quindi non avrò mai un assegno pensionistico. E non ho diritto nemmeno alla pensione sociale, di povertà per intenderci, perché sono sposato e mia moglie ha un reddito. Quindi, non ho diritto a nulla».

Insomma, terroristi e avanzi di galera di ogni genere non mancano occasione per pretendere il rispetto dei loro diritti. Peccato che proprio loro non hanno rispettato i diritti di altri uomini. Primo fra tutti il diritto alla vita.

La migliore risposta al terrorista Curcio l’ha data Lorenzo Conti, figlio di Lando il sindaco fiorentino ucciso dai brigatisti:

«Perché il signor Renato Curcio pretende la pensione quando nemmeno alcune vittime del terrorismo l’hanno ricevuta da questo Stato? Perché il signor Curcio invece di dedicarsi alla guerra armata e alla rivoluzione proletaria, non si è dedicato, come noi tutti, a svolgere un lavoro normale… E come mai, in questi anni, non ha mai chiesto scusa alle vittime del terrorismo che oggi, a stento, riescono di condurre una vita decorosa?».

E aggiunge:

«Faccio un giuramento a tutti gli italiani: se lo Stato concede a Curcio una pensione, io chiedo asilo politico all’America o a Israele, che hanno mostrato sempre la loro vicinanza alle vittime del terrorismo e non ai carnefici».

Personalmente mi unisco al pensiero di Conti, soprattutto dopo le vergogne  riguardanti i casi Mambro, Petrella e per ultimo Battisti, per il quale sembra che il governo francese, sotto sollecitazione di madame Carlà Brunì, abbia avuto un ruolo decisivo nel convincere il Brasile a non concedere all’Italia l’estradizione.

A proposito di soubrettine francesi crocerossine dei terroristi, sentite cosa disse di Curcio l’attrice Fanny Ardant, intervistata dal Corriere della Sera nell’agosto 2007:

«Per me Renato Curcio è un eroe. Ho sempre considerato il fenomeno Brigate rosse molto coinvolgente e passionale».

Complimenti madame. E io che credevo che gli eroi li avesse solo Berlusconi! (do.mal.)

P.S.: Giusto per capire chi era e cosa ha fatto Renato Curcio (per quei pochi che non lo sapessero) vi invito a leggere la sua biografia su Wikipedia.

votami-su-oknotizie

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

Non è tutto Travaglio quello che luccica

A proposito di Annozero. Marco Travaglio è uno che dice sempre quello che pensa. Ma non sempre pensa ciò che dice. Per giusto chi predica bene dovrebbe razzolare meglio.

Invece pure lui qualche scheletruccio nell’armadio (come quelli di cui parla la dolce euchessina Beatrice Borromeo) ce l’ha eccome. Niente di grave, intendiamoci, ma per uno che prende le distanze anche da chi ha il morbillo, è quanto meno un fatto rilevante.
Avviso ai naviganti e ai “travaglini”: Marco è uno che il suo lavoro di giornalista lo sa fare. Bisogna riconoscere che senza le sue inchieste molte cose su Berlusconi avrebbero continuando ad avere quell’alone di mistero tale da renderle sconosciute ai più. Permettetemi, però, di diffidare dei moralizzatori come lui, di quei professorini portatori sani di verità, che salgono in cattedra per fare la morale agli altri quando invece dovrebbero badare a quello che fanno più che a quello che professano.

Come dicevo prima, oltre a Bruno Vespa, qualche piccolo neo ce l’ha anche il signor sò-tutto-io-voi-altri-siete-degli-ignoranti-leggetevi-le-carte-e-i-documenti. Il profeta che sale e scende dai palchi di tutta Italia evangelizzando il Paese sui mali del berlusconismo, ad aprile 2008, alla vigilia delle elezioni politiche, dichiara che voterà per Italia dei valori, il partito dell’ex magistrato Antonio Di Pietro. Per informare il Paese della sua scelta scrive una lettera che viene pubblicata sul blog del Tonino nazionale e pubblica questo video su You Tube:

Nobile la motivazione che porta il buon Marco a votare per Italia dei valori: «A convincermi a votare per l’Idv – scrive – sono le liste che ha presentato Di Pietro, che ospitano diverse persone di valore, alcune delle quali sono amici miei, di MicroMega, dei girotondi e di chi ha combattuto in questi anni le battaglie per la legalità e la libertà d’informazione». E tra queste persone di valore c’è anche l’ex sindaco di Palermo Leoluca Orlando «che – scrive Travaglio – in quanto ad antimafia non teme confronti».

Siccome Travaglio ci insegna (giustamente) che prima di parlare è bene documentarsi, leggiamo cosa dice la biografia di Leoluca Orlando su Wikipedia:

Rieletto consigliere comunale nel 1990 con oltre 70 mila voti di preferenza, non fu ricandidato a sindaco dal suo partito, e lascerà la DC l’anno successivo promuovendo la nascita de La Rete-Movimento per la Democrazia. Si ricordano in quegli anni gli accesi scontri con Giovanni Falcone, accusato da Orlando di tenere nascoste nei cassetti le carte sugli omicidi eccellenti di mafia e le prove delle collusioni di politici con Cosa nostra. L’accusa culminò in un esposto presentato al CSM dallo stesso Orlando l’11 settembre 1991, che costrinse Falcone a doversi difendere davanti all’organo supremo della magistratura italiana.

E questo è quello che recentemente l’attuale portavoce nazionale di Italia dei valori ha dichiarato in un’intervista a Klaus Davi a proposito di Giovanni Falcone:

Sempre su Wikipedia, alla voce “vicende giudiziarie” si legge:

Nel 1995 la Procura di Palermo gli inviò un avviso di garanzia come anche a Domenico Lo Vasco, ex sindaco e assessore alle Finanze in una precedente giunta Orlando, per l’appalto concesso alla Sispi, una società mista tra il Comune, l’Iri e la Finsiel, finanziaria del gruppo Iri, per l’informatizzazione dei servizi comunali. L’inchiesta fu poi archiviata.

Fu invece inquisito dal pm della Procura di Palermo, Lorenzo Matassa, per i restauri del teatro Massimo, accuse da cui Orlando, processato, fu assolto con sentenza definitiva.

Nel 1996 viene indagato per corruzione aggravata durante l’esercizio delle sue funzioni di sindaco di Palermo. Il pentito Tullio Cannella fornisce uno scenario inquietante affermando che nel 1986 il Comune di Palermo, dopo una tangente di 200 milioni di lire, acquistò degli appartamenti di un certo Giuseppe Bonanno, un prestanome di Gaspare Finocchio (imprenditore) che era invece in odore di mafia. Destinatari della tangente, secondo il pentito erano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore Vincenzo Inzerillo, che all’epoca dei fatti era in carcere da 16 mesi per mafia. Orlando nega ogni responsabilità.

Nel 2005 è stato condannato, con sentenza definitiva, per diffamazione aggravata nei confronti dei consiglieri comunali di Sciacca in carica nel 1999, che durante un comizio, accusò fossero collusi con la mafia (Ansa del 27/01/2005).

Chiariamo subito una cosa, Anzi due. In quanto a indagati e condannati nel panorama politico italiano c’è molto di peggio del partito di Di Pietro, ma quello che stona di Idv è che loro i valori li spiattellano anche nel nome. Un po’ azzardato visto che Orlando e qualche altro esponente della banda Di Pietro non sono proprio delle verginelle. Non sarebbe meglio Italia dei Malori? Secondo chiarimanto: Travaglio è libero di votare chi vuole, ci mancherebbe altro. Ma abbia almeno la compiacenza di non darci lezioni di morale. Anche sforzandomi, non riesco a credere che proprio a Travaglio siano sfuggiti questi piccoli peccatuci. Lui che ha studiato carte e documenti di tutti i politici, che ha stilato anche una lista di inquisiti e condannati, possibile che non ha trovato neppure un’unghia incarnita in qualcuno dei candidati di Idv? Suvvia. Vabbè che si chiama Di Pietro, ma fidarsì, così, ciecamente, mi sembra proprio un azzardo. Soprattutto per uno come il buon Marco che fa le pulci anche a un peluche. (do.mal.)

votami-su-oknotizie

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

7 commenti

La ‘ndrangheta? Basta saperci convivere

Alle ultime elezioni è stato il primo cittadino più votato d’Italia con oltre il 70% delle preferenze, la scorsa settimana un sondaggio Ekma gli ha consegnato lo scettro di sindaco più amato d’Italia. Attualmente è vicepresidente dell’Anci, l’associazione nazionale Comuni italiani. Giuseppe Scopelliti non fa il sindaco a Bolzano o Trento, sarebbe fin troppo facile, bensì a Reggio Calabria, ridente cittadina calabrese famosa per i Bronzi, il mare, il sole, il bergamotto, ma anche per la disoccupazione e la criminalità organizzata, che a queste latitudini si chiama ‘ndrangheta.

La ‘ndrangheta appunto. Intervenendo a Napoli in occasione della festa nazionale dell’Mpa, alla domanda se Reggio Calabria, sulla sicurezza, batte Napoli, Scopelliti ha assicurao che, ‘ndrangheta a parte, Reggio Calabria è fra le città più sicure del Paese.

«Napoli e Reggio Calabria – ha detto il sindaco reggino – sono città molto diverse, Reggio ha i problemi di una città media ma è fra le più sicure d’Italia, al di là della ‘ndrangheta: questo è importante anche nella logica dello sviluppo turistico di un territorio. Da noi si può camminare per strada a qualsiasi ora, di giorno e di notte»

Si può essere d’accordo o meno, ma Scopelliti ha detto una sacrosanta verità: ‘ndrangheta a parte Reggio è una città sicura. Un paradosso? Forse, ma la realtà è proprio questa. A fronte di una massicia presenza mafiosa, a Reggio Calabria sono praticamente inesistenti gli episodi di microcriminalità, non ci sono stranieri che stuprano le donne per strada, scippi e rapine sono episodi rari, dei tossici armati di taglierino pronti a derubare il malcapitato di turno, nemmeno l’ombra.

Proprio oggi l’Eurispes ha reso noti i risultati di una ricerca sulla qualità della vita, che ha coinvolto un campione di oltre 1000 cittadini residenti a Reggio Calabria. Per 6 reggini su 10 si vive meglio. Ben oltre la maggioranza ha mostrato una percezione positiva con il 58,5% che ha affermato la città che è molto (14,3%) e un po’ (44,2%) migliorata, contro un 19,8% che dichiara che Reggio è un po’ (13%) e molto (6,8%) peggiorata. La restante parte del campione, circa il 20%, è concorde nel ritenere che non ci sono stati cambiamenti degni di nota negli ultimi anni, essendo dell’avviso che la qualità della vita sia rimasta invariata (leggi l’articolo completo sul blog di Massimo Calabrò).

È vero, a Reggio Calabria c’è la ‘ndragnheta, ma che volete farci, bisogna anche saperci convivere. O come disse un sindaco molto amato dai reggini:

«con certa gente qualche volte bisogna anche andare a prendersi un caffè»

Rassegnazione? Connivenza? No, puro e semplice realismo. La ‘ndrangheta in Calabria, come la mafia in Sicilia, è una piaga che è sempre esistita e continuerà ad esistere. Altra cosa, invece, è la mentalità mafiosa, la cosidetta mafiosità, che tra i reggini è un virus assai diffuso. Dove per mafiosità s’intende arroganza, prepotenza, spavalderia, superbia, strafottenza, inosservanza delle regole. Una mentalità becera che ti porta a chiedere il favore o cumpari per evitare di fare la fila alla posta o alla banca, che “autorizza” il reggino medio, o meglio, il “riggitano”, a lasciare la macchina in mezzo alla strada perché deve andare a comprare il giornale o prendere il caffè. E guai a dirgli che è in torto.

È indubbio che in questi anni Scopelliti a Reggio Calabria ha saputo lavorare, riuscendo a fare reinnamorare i reggini della città e restituendo loro quel senso di appartenenza che in tanti avevano smarrito. Un’impresa alla quale, probabilmente, solo lui ci credeva. Diverso è cambiare la mentalità di certa gente. Una missione quasi impossibile, per la quale forse non bastano gli anni e neppure le generazioni che passano. (do.mal.)

Foto gentilmente concessa da Peppe Caridi

votami-su-oknotizie

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

22 commenti

Scopelliti “The special one”

Dopo essere risultato il sindaco più votato d’Italia, alle ultime elezioni, con oltre il 70% dei suffragi, e recentemente eletto vicepresidente dell’Anci, l’associazione nazionale comuni italiani, il primo cittadino di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti, adesso sale sul podio più alto e riceve anche lo scettro di sindaco più popolare d’Italia. A incoronarlo è l’indagine Monitor Città, la ricerca che ogni sei mesi Ekma realizza per i comuni italiani.
Per Ekma, Scopelliti è il sindaco che riscuote la maggior fiducia nella propria città con il 67,4% dei consensi. Risultato che migliora quello di dicembre scorso, quando il giovane e intraprendente sindaco reggino, eletto nelle file del centrodestra, era risultato terzo.

I supersindaci di questa nona edizione dell’indagine Monitor Città, gli amministratori cioè che hanno superato un indice di consenso del 55% sono 37, mentre nello scorso rilevamento erano 40 (non sono stati rilevati tutti i sindaci eletti nella tornata di elezioni amministrative dello scorso aprile, se non i sindaci al secondo mandato): 25 appartengono al centrosinistra (erano 27 nella scorsa tranche) e 12 del centrodestra (erano 11 a dicembre 2007). Di questi 20 sono del Nord (21 a dicembre), 6 del centro (8 a dicembre) e 11 del sud (11 erano anche nel secondo semestre 2007).
Una sola donna sindaco è in classifica e si tratta di Letizia Moratti al 18esimo posto con il 58,9% di consensi. Rispetto alla scorsa rilevazione entrano nella speciale classifica dei supersindaci, superano la soglia del 55%, Alberto Valmaggia (Cuneo), Giorgio Galvagno (Asti) e Roberto Reggi (Piacenza), mentre escono Fiorenza Brioni (Mantova), Sergio Cofferati (Bologna) e Nadia Masini (Forlì).

Al sindaco Scopelliti seguono in seconda posizione Sergio Bolzonello (Pordenone) e Paolo Raffaelli (Terni) (secondo anche a dicembre) con il 65,8%. Al quarto posto Sergio Chiamparino (Torino) con il 65,7% che perde il primato che ha tenuto per tutto il 2007, Alberto Pacher (Trento) al 63%, Fabrizio Matteucci (Ravenna) al 62,4%, Girolamo Fazio (Trapani) al 61,9%, Piercarlo Fabbio (Alessandria) al 61,7%, Flavio Tosi (Verona) al 61,5%, Peppino Vallone (Crotone) al 61,2%, Massimo Giordano (Novara) al 61%, Luigi Spagnolli (Bolzano) al 60,5%, Renato Locchi (Perugia) al 59,6%, Giorgio Pighi (Modena) al 59,5%. Luigi Sappa (Imperia) al 59,2%, Leonardo Domenici (Firenze) e Graziano Delrio (Reggio Emilia) al 59%, Letizia Moratti (Milano) al 58,9%, Gabriele Melogli (Isernia) al 58%, Ippazio Stefano (Taranto) e Vito Santarsiero (Potenza) al 57,1%, Pietro Vignali (Parma) 57%, Attilio Fontana (Varese) al 56,7%, Vincenzo Zaccheo (Latina) e Stefano Bruni (Como) al 56,5%, Francesco Mario Sammarco (Vibo Valentia) al 56,4%, Vincenzo De Luca (Salerno) al 56%, Massimo Cacciari (Venezia) al 55,8%, Maurizio Cenni (Siena) al 55,5%, Gianfranco Ganau (Sassari) e Marco Zambuto (Agrigento) al 55,4%, Alberto Valmaggia (Cuneo) al 55,3%, Guido Grimod (Aosta), Nello Di Pasquale (Ragusa), Alessandro Cosimi (Livorno), Giorgio Galvagno (Asti) e Roberto Reggi (Piacenza) al 55%. (do.mal.)

votami-su-oknotizie

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento