La terribile piaga della Calabria? Venditti. Parola di Johnny Stecchino!

Altro che Alta Marea, Antonello Venditti ha provocato un vero e proprio maremoto. La sua sparata, decisamente infelice, sulla Calabria («Dio, ma perché hai creato la Calabria? In Calabria non c’è niente, proprio niente; speriamo che si faccia il ponte di Messina, così almeno in Calabria ci sarà qualcosa») durante un concerto nel 2008 in Sicilia, ha messo in subbuglio un’intera regione. Tutti indignati, organi si stampa, politici, comuni cittadini. La protesta è arrivata anche su facebook, con decine, centinaia, di messaggi e gruppi contro il cantautore romano.

Tutti a chiedere la sua testa, a pretendere pubbliche scuse, con la solita processione dei politici di turno che fanno a gara a chi s’indigna di più. Insomma, non c’è lodo Alfano che tenga, per i calabresi il vero caso nazionale è Antonello Venditti.

Premetto subito che sono calabrese anch’io e che il cantautore romano ha assolutamente sbagliato a pronunciare quelle parole, però mi chiedo: perché con la stessa rabbia con la quale i calabresi pretendono le scuse da Venditti non si scagliano contro la classe politica, a tuti i livelli, che ha governato e governa questa regione? Politici che molto più di Venditti ogni giorno offendono e infangano la nostra terra? Perché per le morti assurde negli ospedali calabresi, per la disoccupazione, per le navi dei veleni inabissate nei nostri mari, per il totale controllo del territorio da parte della ‘ndrangheta, nessuno dice niente o invoca le scuse di chi ci governa?

La verità è che siamo orgogliosi di essere calabresi solo quando vince la Reggina, quando passeggiamo sul Lungomare di Reggio, quando la Calabria trionfa a miss Italia o la Gregoraci sposa Briatore, quando Gattuso alza al cielo la Coppa del Mondo. Ci sentiamo orgogliosi di essere calabresi solo per la bellezza del nostro mare e per il clima mite. Salvo poi indignarci per la sparata infelice di un cantante. È un po’ come nel film “Johnny Stecchino”, quando Benigni arriva a Palermo e lo zio gli elenca le piaghe della Sicilia: l’Etna, la siccità, il traffico. La piaga che affligge la Calabria, invece, sembra essere Venditti, non un classe classe politica indegna, dalla quale nessuno ha mai preteso scuse!

Dedicata alla Calabria:

votami-su-oknotizie

Annunci

, , , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di Walter il 10 ottobre, 2009 - 7:06 pm

    La tua è stata una riflessione coraggiosissima,di chi (come giustamente rimarcava Diaco) ama la propria terra non attraverso stucchevoli autocelebrazioni,ma attraverso la critica e la messa in risalto dei mali che la attanagliano.
    Venditti era e rimane uno dei più grandi cantautori italiani esistenti,nonostante abbia sbagliato modi e termini di uno dei suoi “comizi” tra un brano e l’altro(già noti anche al pubblico calabrese).
    Ma ci voleva proprio una sua esternazione a ferire l’orgoglio dei calabresi? Se è così,con tutta la miriade di problemi da terzo mondo che abbiamo,non sono solo la Reggina ed il Crotone ad essere in serie B,ma tutti noi calabresi…

  2. #2 di Tiziana il 10 ottobre, 2009 - 8:16 pm

    Concordo pienamente con quanto scritto sia da Lei, signor Malara, che dall’amico Walter. Purtroppo, la maggior parte delle volte, noi calabresi manifestiamo il senso di appartenenza alla nostra terra solo in occasioni sicuramente importanti ma non fondamentali per la crescita di questa bella ma disgraziata Regione. Quanto abbiamo visto ieri alla “Vita in Diretta”, il programma condotto da Sposini, è stata l’ennesima riprova che a rappresentarci siano persone non totalmente in grado di farlo. Personalmente, vedendo la trasmissione il mio sato d’animo era un misto tra indignazione, rabbia e presa di coscienza della precarietà delle nostre condizioni socio-politiche! Nessuno che sia stato in grado di rispondere al signor Diaco, in modo molto umile e al contempo intelligente (soprattutto), che aldilà delle sterili polemiche che possano scatenarsi attorno al caso Venditti, aldilà dei vari gruppi che possano nascere in un social network come Facebook (tra l’altro del tutto legittimi visto che, ricordiamocelo, siamo in democrazia ancora e perciò liberi di esprimere ciò che si pensa), non ci si aspetta un certo tipo di affermazioni da un cantautore che dovrebbe unire piuttosto che dividere, facendo futili battute difronte ad un pubblico divertito. Io non credo assolutamente nella buona fede del signor Venditti, che non ci facciano passare il suo discorso per un messaggio di speranza, è un’offesa alla nostra intelligenza…Sa cosa io ho visto ieri da Sposini? Ho visto un Venditti giustificato sol perchè la Calabria è una Regione dove effettivamente va tutto male, tutto storto, non funziona nulla, i calabresi sono omertosi e più impegnati a difendere l’onore che altro…Io non l’ho trovato corretto…Venditti ha sbagliato e non ci sono attenuanti. Che poi la Calabria sia una Regione con grossi problemi, questa è una realtà con la quale molti di noi si scontrano ogni giorno, ma fare di tutta l’erba un fascio è veramente poco intelligente, dire che “i migliori calabresi sono andati tutti via dalla Calabria” (parole del signor Diaco) è veramente offensivo per chi in Calabria c’è rimasto proprio per lottare e per cercare di cambiare le cose…Perchè questo non è stato detto?

  3. #3 di ANTONIO NICOLO' il 10 ottobre, 2009 - 8:24 pm

    Domenico è molto bello ascoltare la verità in certi momenti: nelle Tue parole c’è tantissima verità e traspare un grande amore per la Calabria..
    Senza ipocrisia e senza infingimenti hai detto ciò che pensi realmente e lo hai fatto senza che il Tuo scritto si prestasse ad altre interpretazioni..
    Queste Tue parole dovrebbero restare impresse nella mente di ogni calabrese (In me lo saranno !)ed essere l’unico argomento di discussione nei momenti in cui ci sentiamo feriti …nell’orgoglio !
    Ti ringrazio e (credimi)l’unica cosa seria che c’è stata in tutta questa “rivolta mediatica vendittiana” è stato il Tuo scritto espressione di saggia ed acuta riflessione di un giovane dal quale molti hanno da imparare (me compreso)!
    Con affetto e riconoscenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: