Povero Pd, gli pisciano addosso e dicono che piove

mavaffpd

Per fortuna che ci sono i numeri. Proprio così, perché stando alle parole e ai proclami, Silvio Berlusconi, e quindi il Popolo delle Libertà, in questa tornata elettorale avrebbe dovuto toccare la soglia del 45%, mentre a sentire Dario Francescini le Europee sarebbero state il fine corsa per il governo in carica. Anzi, avrebbero sancito la resurrezione del Partito democratico. Sta di fatto che Silvio è rimasto al di sotto delle sue previsioni e Lazzaro-Pd, invece di rialzarsi e camminare, continua beatamente a dormire.

Ma torniamo ai numeri che, alla fine della fiera, sono ciò che affettivamente conta. Il pallottoliere elettoreale dice che il Pdl si è assestato attorno al 35%, mentre il Pd si ferma al 26%, ben 9 punti percentuali di distacco. Se si confronta il dato con le ultime elezioni politiche, si ha pressappoco un dato speculare. Nel 2008, infatti, la coalizione di centrodestra (Pdl-Lega-Mpa) ottenne il 46,8%, mentre quella di centrosinistra (Pd-Idv) si attestò al 37,5%. Se nel confronto col dato odierno si scorpora, per quanto riguarda il centrodestra il dato della Lega (10,3%) e dell’Mpa (2,2%, ma va tenuto conto che a queste Europee il partito di Lombardo ha formato un cartello elettorale con La Destra e i Pensionati) si comprende bene come il Pdl ha confermato esattamente il dato del 2008. Diversamente il Pd, togliendo i voti di Italia dei Valori (8%), rispetto alle passate politiche è sotto di almeno 3 punti percentuali.

Se dunque si tiene conto dei numeri il quadro risulta essere pressappoco questo: stabile il Pdl, in discesa il Pd, boom di Lega e Italia dei Valori e definitivo tracollo dei comunisti (Prc-Pdci e Sinistra e Libertà). Tutto il resto è noia. O meglio, chiacchiere da bar dello sport.

Viene da ridere, quindi, quando senti parlare Franceschini e tutto il resto del centrosinistra, di una clamorosa sconfitta per Berlusca, senza però fare  un minimo di autocritica e pensare che loro sono rimasti letteralmente con le pezze al culo. Così come non dicono che Italia dei Valori ha rosicato proprio al Pd qualcosa come il 6% dei consensi (nelle passate Europee il partito di Di Pietro si era fermato al 2,1%). Come si ricorderà, dopo le disastrose Politiche del 2008 il povero Veltroni fu messo alle corde e al suo posto è stato chiamato Franceschini quale salvatore della patria. Oggi Walter si prende la sua bella rivincita: se il compagno Dario poteva fare peggio, c’è riuscito!

berlusconi_cornaE veniamo al Pdl. Berlusconi aveva detto che sarebbe arrivato al 45%, si è fermato “solo” al 35%. Di contro c’è una Lega che ha fatto il botto, raddoppiando i consensi delle precedenti europee. Messi insieme questi due dati, anche il peggior cieco che non vuole vedere comprende bene che la coalizione di governo (Pdl-Lega) conferma il dato (45-46%) delle Politiche dello scorso anno.

Se a tutto ciò si aggiunge che, notoriamente, in qualsiasi Paese chi governa viene sempre punito dal responso delle urne, ancora di più che c’è di mezzo una crisi economica che impone misure anche impopolari, si comprende bene che per Berlusconi e company ne sono usciti alla grande.

Morale della favola: ancora una volta ha avuto ragione “papi” Silvio. Il partito del gossip, che ha fatto del Noemigate la sua campagna elettorale, ha visto  rivoltarsi contro come un boomerang la sua arma antiberlusconiana.  Chiaro segno che ste stronzate non attecchiscono e finiscono per essere il migliore spot elettorale per Berlusca. Probabilmente agli italiani interessano di più i problemi del Paese anziché i pettegolezzi da portinaia di Franceschini, Sant’Oro e company. Esattamente quello che ancora non riescono a comprendere i signori della politica. (do.mal.)

votami-su-oknotizie

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di Marco il 9 giugno, 2009 - 8:32 am

    Malara, delle tue retoriche e scontate analisi politiche non se ne sentiva proprio il bisogno.

  2. #2 di Domenico Malara il 9 giugno, 2009 - 9:26 am

    Sei assolutamente libero di non leggerle…

  3. #3 di Marco il 9 giugno, 2009 - 9:46 am

    Forse mi aspetto sempre che tu possa scrivere cose più intelligenti, ma resto sempre deluso. Sei un ragazzo giovane ma le tue riflessioni combaciano perfettamente con quelle di vecchi tromboni servili come Bondi o Gasparri. Tu leggi il Giornale e ascolti le loro interviste facendo tuoi quegli argomenti.Che tristezza.

  4. #4 di Domenico Malara il 9 giugno, 2009 - 10:02 am

    Confermo: sei assolutamente libero di non leggere ciò che scrivo…

  5. #5 di gg il 9 giugno, 2009 - 10:48 am

    @marco
    leggi pure
    ma certi post non meritano ulteriori commenti

    fanno credere all’autore di aver scritto cose intelligenti…

  6. #6 di gg il 9 giugno, 2009 - 9:26 pm

    si censurano le riposte non gradite eh?

  7. #7 di Domenico Malara il 10 giugno, 2009 - 8:14 am

    Nessuna censura caro gg, come puoi leggere da tutti i commenti che sono stati lasciati su questo blog…
    Solo che non sempre riesco ad approvare i commenti in tempo reale. Tutto qui.
    Mi sembra invece che quello che si autocensura sei tu, visto che preferisci usare una sigla (“gg”) al posto del tuo vero nome e cognome… Alla prossima…https://malarablog.wordpress.com/wp-admin/edit-comments.php#comments-form

  8. #8 di Ambra Colacicco il 10 giugno, 2009 - 8:43 am

    Sui dati non ho niente da obiettare, ho fatto notare anch’io la stessa cosa nei gironi scorsi. Sul commento ai numeri invece si, c’è tanto da dire:

    Il partito del Gossip, come lo hai definito,è in buona compagnia: vivo in Belgio e ti posso assicurare che TUTTA EUROPA è SCANDALIZZATA dal mondo con cui il presidente Italiano accoglie ministri esteri nelle sue ville in sardegna, fra festini, ragazze, ospiti mondani che viaggiano su aerei di stato. Questi non sono pettegolezzi e neanche affari privati: è una questione di stato. Se leggessi un po’ di stampa estera te ne renderesti conto…

    Inoltre giustifichi la vittoria di Berlusconi dicendo che agli Italiani interessano + i problemi del paese che il resto… interessante osservazione.
    Il 1 problema del paese, quello per eccellenza si chiama DEBITO PUBBLICO:
    Abbiamo il 7 debito pubblico + alto del mondo e, dati alla mano, sotto il governo Berlusconi questi debito ha SEMPRE rallentato la sua discesa e al momento sta aumentando in modo galoppante: alla fine di quest’anno è possibile che l’italia si trovi al 4 posto della classifica mondiale…

    Qui trovi un mio pezzo, tutte le referenze sono infondo all’articolo:

    http://www.dirittodicritica.com/2009/05/14/i-giovani-hanno-gli-anni-in-tasca-e-anche-un-debito-pubblico-da-1708-miliardi/

    Un altro grande problema sono i nostri mercati finanziari, assolutamente INAFFIDABILI grazie a leggi come la depenbalizzazione del falso in bilancio, che ha rappresentato un regalo ai consigli di amministrazione disonesti, vd. Parmalat. Inoltre proprio ieri è stata messa la fiducia alla legge sulle intercettazioni: questo rappresenta l’ennessima coltellata alle spalle degli investitori in quanto in reati come l’Insider trading le intercettazioni sono BASILARI e sarà sempre + difficile prevenirli.

    Questi sono i problemi del paese, e da queste elezioni si evince bene che gli italiani se ne fregano altamente. Purtroppo.

    Saluti

    Per me questi sono i problemi de

  9. #9 di Domenico Malara il 10 giugno, 2009 - 9:47 am

    Grazie Ambra del tuo contributo, decisamente più costruttivo di altri che non portano solo argomenti ma solo insulti. Interessante e condivisibile la tua riflessione. Sono infatti d’accordo quando parli di debito pubblico, mercati finanziari inaffidabili, depenalizzazione del falso in bilancio, intercettazioni. Ma come avrai notato pure tu, sono tutti argomenti che l’opposizione di centrosinistra (e fra questi intendo anche Italia dei Valori che ha raccolto i consensi dei delusi del Pd) non ha affrontato durante la campagna elettorale, preoccupata molto di più del gossip e della feste berlusconiane. I risultati delle Europee hanno dimostrato che alla gente non interessa ciò che fa Berlusconi nella sua vita privata (che in parte, come dici tu, ma solo in parte, riguarda anche la collettività). Ma, ti ripeto, questo non lo dico io, ma i l’urna. Quindi non è vero che gli italiani se ne fregano dei reali problemi del Paese, evidentemente c’è qualcuno che questi problemi neppure li solleva o probabilmente la gente ha capito che l’opposizione è molto peggio di chi ci governa.

  10. #10 di Ambra Colacicco il 10 giugno, 2009 - 10:34 am

    Domenico, si è andati alle urne per il parlamento europeo non per il governo nazionale: l’europa non puo’ fare proprio niente per il debito pubblico del paese, nè tantomeno per il falso in bilancio, il conflitto di interessi ecc. ecc ecc. Questi temi non sono stati trattati semplicemente perche NON pertinenti.
    Se agli Italiani interessassero i problemi del paese e se avessero un MINIMO di cura della propria immagine con il resto d’Europa non avrebbero mandato Borghezio a Brussels!
    Lo stesso Borghezio che ha strappato la bandiera italiana durante un discorso del presidente della repubblica, che ha protestato contro l’euro, che è stato condannato per aver dato fuoco alle baracche di alcuni immigrati mentre stavano dormendo, che ha protestato contro la religione islamica a Brussels e si è fatto promotore di una manifestazione razzista condannata dal belgio come ILLEGALE in quanto lesiva nei confronti della costutuzione belga che sancisce la libertà religiosa…

    Qui in Belgio sono SCONCERTATI:

    Uno così, in QUALSIASI STATO, sarebbe in GALERA. In Italia invece lo si elegge a rappresentare il paese. Complimenti.

  11. #11 di Maury il 10 giugno, 2009 - 1:37 pm

    Ciao Domenico,una sola domanda a Ambra,al di la’ della stampa estera,perche’anche li ce ne sarebbe da dire…In Belgio vivono i miei carissimi cognati,anche loro,naturalmente contro il nostro governo attuale,anche se ultimamente un po’ meno…comunque,se “Repubblica”,prendiamono un giornale a caso,parlasse del Belgio in questi termini:fino a pochi mesi fa il Belgio non era riuscito a formare un governo a causa dei vari scandali venuti alla luce tra uomini politici,di pedofilia,di contrasti fra fiamminghi e valloni,di inquinamento,non so se lo sai,caro Domenico,il Belgio,fino a qualche anno fa era uno dei paesi piu’ inquinati d’Europa,di centrali atomiche,tra l’altro credo che l’abbiano venduta alla Francia,pagando cosi’il doppio l’ energia (atomica) che producono nel loro paese,e qui mi fermo senza parlare di quello che il Belgio ha combinato in Congo e con i nostri emigrati.Ed e’ una nazione con poco piu’ di 10 milioni di abitanti!Ora,capisco che Ambra abbia a cuore il destino del proprio paese,esattamente come tutti noi!Personalmente, mi spiace che un italiana,presumibilmente figlia di emigrati,parli in questi termini del proprio paese,ma se magari,anziche’ parlare di gossip ci desse qualche consiglio per mettere a posto le cose,forse farebbe un servizio migliore a tutti noi.Scusami la franchezza Ambra!
    Saluti Maury
    p.s. attenzione,personalmente trovo il Belgio una terra bella e interessante da visitare,nella quale mi trovo benissimo ogni anno che passa.E quest’anno sono 32 gli anni che vado a fare le vacanze a Liegi.

  12. #12 di Maury il 10 giugno, 2009 - 3:47 pm

    Questoper i debito pubblico,niente e’ niente qualcosa e’ qualcosa….Maury
    http://iltempo.ilsole24ore.com/economia/2009/05/14/1024243

  13. #14 di Ambra Colacicco il 11 giugno, 2009 - 9:09 am

    Ciao Maury, non sono figlia di emigrati, sono Italiana, nata e cresciuta a Milano, all’estero per scelta. Il belgio non è il primo paese incui vivo… ho passato oltre 2 anni in Irlanda, ho studiato in Finlandia ed in Polonia, e l’opinione sul governo Italiano è, purtroppo, univoca.

    Hai ragione a dire che il governo Belga è stato coinvolto da numerosi scaldali, ma c’è una grande differenza: qui gli scandali vengono fuori,la gente ne parla, protesta, e i politici si dimettono. In Italia questo non succede.
    Una sentenza come quella di Mils in Finlandia avrebbe ribaltato il paese, qui in Belgio anche. Tutta europa ne ha parlato ed è rimasta a bocca aperta: in Italia? No. In Italia la gente non se ne cura, molti Mills non sanno nemmeno chi sia.

    In Italia c’è chi crede che i magistrati stiano alle calcagna di Berlusconi per ragioni politiche… all’estero ci si domanda come questo sia possibile dal momento che le inchieste a carico di Berlusconi sono cominciate negli annni ’80 e lui è sceso in Politica solo nel ’94.. Sono domande ovvie, sotto gli occhi di tutti, ma in Italia si è talmente assuefatti dai mass media che la gente non ci pensa.

    L’opinione che gli altri hanno di noi è importante, e dovrebbe indurre ad un attenta riflessione. Come mai la Germania (di destra) il Belgio (di destra) La svezia (di Destra) la finlandia, di destra, l’inghilterra ecc ecc hanno tutti un opinione PESSIMA del nostro governo?
    Tutta europa è comunista? E’ gelosa di Berlusconi? Perchè???

  14. #15 di Ambra Colacicco il 11 giugno, 2009 - 9:21 am

    Scusate.. ho appena notato che Maury mi ha scritto che parlo solo di Gossip… questa è veramente divertente.

    Visto che hai citato un pezzo del sole 24 ore ti offro una mia analisi completa della situazione Italiana, Domenico credo l’abbia già letta:

    http://www.dirittodicritica.com/2009/05/14/i-giovani-hanno-gli-anni-in-tasca-e-anche-un-debito-pubblico-da-1708-miliardi/

    Il debito pubblic è aumentato a dismisura… a questo fatto hanno contribuito diversi fattore, fra cui una PESSIMA gestione della spesa pubblica, esempio banale, Alitalia, eccoti un’attento confronto fra il Piano AIR FRANCE e CAI:

    http://mydesklight.wordpress.com/2008/09/13/confronto-fra-piano-cordata-ed-airfrance/

    Per non parlare del “prestito ponte” che ha lasciato incredula l’unione Europea…

    http://mydesklight.wordpress.com/2008/11/02/alitaliaprestito-ponte-chi-paga/

    Credo che per il momento ci sia abbastanza su cui discutere. Tengo a sottolineare che i dati citati sono tutti referenziati in fondo agli articoli e provengono da fonti autorevoli e NON discutibili, es. Banca d’Italia ecc. ecc.

    Oggi o domani uscirè con articolo su come questo governo ha ridotto a brandelli i nostri mercati finanziari.

    :) Ma tanto.. è solo Gossip no?

    Saluti,

    Ambra

  15. #16 di Marco il 11 giugno, 2009 - 5:28 pm

    Ciao Ambra. Vedo che insisti con il linkare le tue analisi. Apprezzo il tuo tentativo di portare un pò di argomenti in un blog sempre più appiattito su posizioni decerebrate e decerebranti.
    Vorrei che spostassi la tua attenzione sulle vere ragioni dell’accumularsi del debito pubblico e soprattutto sui creditori di questo enorme debito (1700 miliardi di euro circa).
    L’origine del debito risiede in uno scellerato sistema monetario, in cui la BCE, banca di emissione, presta i soldi allo Stato italiano lucrando sulla differenza tra il costo di stampa e il valore nominale, cioè il c.d. signoraggio bancario. Quella differenza in realtà appartiene al popolo che conferisce con il suo lavoro valore alla banconota, che non possiede alcun valore intrinseco nè contropartita aurea. Per approfondire leggi gli scritti di Auriti e Pound o cerca in Rete. Se lo Stato italiano non si riapproprierà della sua sovranità monetaria il debito pubblico non potrà che aumentare e comunque mai estinguersi. Tutte le altre discussioni, come gestione della spesa e lotta all’evasione di questo o quel governo, lasciano il tempo che trovano se prima non verrà risolto il problema strutturale che ti ho descritto.

  16. #17 di Maury il 12 giugno, 2009 - 8:16 am

    O.K.Ambra parliamo di stampa!Da chi cominciamo dall’Economist,e della sua inviata speciale Tania de Zuleta?Sai chi e’ Tania de Zuleta prima di tutto?O parliamo di Travaglio con le sue interviste farlocche al povero Borsellino!O ancora di Beppe Severgnini quando scriveva per l’Economist, alunno indiscusso del grande Montanelli nel momento della diatriba con il Berlusca.Tutti giornalisti con una spiccata simpatia per il cavaliere che hanno pubblicato articoli su di lui,sempre un momentino prima delle elezioni.Ora ,se i tuoi amici finlandesi si basano su notizie diffuse da questi giornalisti e’ chiaro che l’opinione sul cavaliere sia quelle che tu hai!Fai un giro in rete,verifica anche le voci contrarie a questi,e forse capirai un po’ di piu’ sul tuo paese!L’affare Mills in Ighilterra e’ gia’ stato archiviato da mo’…Con questo non dico che il cavaliere sia un puro,ci mancherebbe,ma aspetto sempre le sentenze definitive, normalmente,prima di giudicare.Una domanda :ti faresti giudicare da un tuo avversario politico?Naturalmente sto parlando della Forleo,che e’ il giudice del caso Mills contro Berlusconi,che prima fa i comizi contro di lui,poi,tranquillamente giudica il suo avversario politico,e guarda caso, sempre un momentino prima delle elezioni…per il debito pubblico quoto Marco 99,9%.Infine una domanda ancora:tu,personalmente per chi voteresti?
    Saluti Mauri

  17. #18 di Ambra Colacicco il 12 giugno, 2009 - 4:57 pm

    :) Il problema strutturale da te descritto di questo “scellerat sistema monetario”,se fosse il vero problema, dovrebbe valere per tutti, non solo per l’Italia. Allora come mai tutta europa ha ridotto il debito e noi no? Come mai, dati alla mano, sotto prodi il debito si è sempre ridotto e sotto tremonti ha sempre galoppato?

    In merito al secondo post scusa ma non ti rispondo. Come al solito TUTTI sono influenzati da una stampa faziosa e la forleo è una comunista… Le inchieste su berlusconi sono cominciate negli anni ’80 ed è sceso in politica 14 anni dopo: credi nelle sfere magiche?

  18. #19 di Marco il 12 giugno, 2009 - 9:02 pm

    Il discorso vale per tutti i paesi. Anche la FED è privata fino al midollo, infatti il debito pubblico USA oscilla attorno al 100%. Ambra, tu credo non ti renda conto. E’ come se noi tutti fossimo chiusi in una gabbia e legati ad una catena. Tu affermi che Tremonti la catena l’ha allungata mentre Prodi l’ha accorciata. Il problema non può essere la lunghezza della catena, il problema e la catena stessa e la gabbia. Si stima che l’Italia versi 75 miliardi di euro per pagare gli interessi sul debito. Gli interessi, soltanto. Il capitale non lo rifonderemo mai e saremo sempre in gabbia. Studia il problema. Ti si aprirà un mondo e la smetterai di pensare a Prodi e Tremonti.

  19. #20 di Bruno il 29 giugno, 2009 - 3:23 am

    Che il PD farnetichi è innegabile: come detto sopra, parlare dei fiaschi degli altri e non accennare al proprio è decisamente infantile. Cito Domenico “I risultati delle Europee hanno dimostrato che alla gente non interessa ciò che fa Berlusconi nella sua vita privata” su questo non ci piove: se la gente si interessasse dell’identità del presidente del Consiglio, non gli avrebbe dato tutti questi voti.
    Non capisco invece “Quindi non è vero che gli italiani se ne fregano dei reali problemi del Paese” perché un presidente del consiglio con alle spalle un rosario di procedimenti giudiziari è un problema del Paese. Solo con una massiccia dose di irragionevolezza è possibile credere che silvio sia perseguitato.
    Un presidente del consiglio che viene assolto o prosciolto in osservanza a leggi fatte da lui, è un problema del Paese.
    Se le sentenze definitive sono di proscoglimento per intervenuta prescrizione non significano nulla riguardo l’innoncenza/colpevolezza dell’imputato.
    Se la Forleo e Di Pietro avessero proseguito come magistrati, avrebbero dimostrato maggiore onestà, invece hanno scelto di reimpiegare elettoralmente la fama guadagnata con il loro lavoro, e a mio avviso han fatto la strada inversa di Ghedini, mettendo la politica nel loro mestiere giudiziario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: