Ecco chi difende gli stupratori

stupro_guidonia2

«Ci hanno picchiati, sì. Prima i carabinieri, nella camera di sicurezza della caserma di Guidonia; poi le guardie, entrando a Rebibbia. Hanno picchiato me e hanno picchiato anche gli altri: sentivo le loro urla».

Ve ne hanno date sempre troppo poche!

Si lamentano le bestie. Piangono e chiedono aiuto. Che fine hanno fatto le urla di gioia e di divertimento mentre stupravano la povera ragazza di Guidonia?

Svanite, adesso piangono e chiedono aiuto. Dicono di essere stati picchiati prima dai carabinieri e dopo dalle guardie carcerarie. E c’è pure chi, come la parlamentare dei radicali Rita Bernardini e il segretario dell’associazione “Nessuno tocchi Caino” Sergio D’Elia (ex dirigente di “Prima Linea”, l’organizzazione terroristica di estrema sinistra), s’indigna e va a trovarli in carcere per confortarli e accertarsi che non siano maltrattati. Ma vaffanculo!

Dov’erano la Bernardini e D’Elia in questi giorni? Perché non hanno portato la loro solidarietà alla ragazza di Guidonia violentata? Come sempre la vittima è Caino, tanto Abele è ormai già bello che morto.

Leggetelo perché il racconto della Bernardini è proprio da strappalacrime:

«Uno zoppicava e aveva segni di percosse su un occhio, sulle gambe e sull’anca destra, altri due avevano gli occhi pesti, ma affermavano, uno di essere caduto e l’altro di essersi picchiato da solo per la disperazione. Ma due hanno ammesso di essere stati pestati a più riprese nelle camere di sicurezza della caserma dei carabinieri di Guidonia. Schiaffi, pugni e calci sono stati dati ai sei romeni in caserma, anche se non so se per rabbia o per farli confessare. Di sicuro oggi erano molto impauriti. Non ci sentiamo di escludere che i sei rumeni abbiano subito ulteriori maltrattamenti, seppure di minore intensità e violenza fisica, anche al momento dell’ingresso a Rebibbia. Il romeno che dice di essersi picchiato da solo non riesce a mangiare, è disperato e piange in continuazione. Un altro, che non parla una parola di italiano, deglutisce in continuazione, si vede che sono tutti terrorizzati. Quelli che parlano italiano ci hanno spiegato che in caserma erano in sei celle diverse e ogni tanto qualcuno entrava e li picchiava».

bernardini_ritai151206_adn-200x150Cara Bernardini e caro D’Elia, se avete così tanto timore che i vostri amati rumeni siano pestati in carcere, perché non ve li portate a casa? Poverini, col freddo di questi giorni gradiranno di certo un brodino caldo, una copertina, due carezzine e il bacino della buonanotte. Oppure potreste fare l’esatto contrario: stabilitevi voi in cella a Rebibbia con i vostri amati stupratori. Quale migliore modo per difenderli da possibili altre aggressioni. Mi raccomando però, attenti alle spalle!

Non solo. I deputati radicali presenteranno un’interrogazione urgente ai ministri della Difesa e della Giustizia, nella quale chiederanno che si accerti, attraverso il riscontro delle cartelle cliniche, in che condizioni fisiche i sei romeni sono entrati in carcere. «Nel nostro codice – ha detto la Bernardini – non è previsto che nessuno debba subire pestaggi o violenze perché ha commesso un reato».

Illustre radicale libero, perché non chiede anche le cartelle cliniche della povera ragazza di Guidonia? Le ricordo inoltre che nel nostro codice è anche previsto che nessuno debba subire pestaggi e violenze solo perché si azzarda incatuamente ad uscire la sera. Infine, signora Bernardini, li difenderebbe così strenuamente queste bestie se ad essere stuprata fosse stata lei o sua figlia? (do.mal.)

ULTIM’ORA: Mentre scrivo apprendo che due dei sei rumeni  di Guidonia sono già a casa grazie a una decisione del giudice di Tivoli che gli ha concesso i domiciliari (ma dove, se vivevano nelle baracche?). Tutto questo mentre a Cassano Jonio vengono arrestati altri  cinque rumeni con l’accusa di violenza sessuale di gruppo su di una donna, anch’essa rumena di 21 anni.

Anche questi sono “ignobili” pregiudizi nei confronti degli immigrati?

votami-su-oknotizie

Annunci

, , , , , , , , , ,

  1. #1 di teresa il 31 gennaio, 2009 - 11:18 am

    il caro signor d’elia, per non offendere i veri signori, grazie a questo stato di mmmmmm……da permissivo e tollerante da fare schifo è riuscito anche ad entrare in politica (come caruso del resto).

    Una volta — quelli sì che erano bei tempi – era reato anche riunirsi!!!! e non so se mi spiego.
    ed ora si permette di lasciare spazio ad associazioni che proteggono i criminali.

    MA LA GIUSTIZIA DOVE STA???!!!
    QUALCUNO ME LO POTREBBE SPIEGARE???!!!!

  2. #2 di Barbara il 31 gennaio, 2009 - 11:35 am

    Ma, i romeni probabilmente hanno sbattuto la testa, volontariamente, contro il muro, per dire che sono stati torturati e picchiati. Sai, in Romania non è fuori dall’ordinario l’autolesionismo. Ci si informi in merito.
    Sergio D’Elia? Chi, quello di Prima Linea? bè. non spreco parole.

  3. #3 di teresa il 31 gennaio, 2009 - 12:36 pm

    E fai bene.
    Non meritano visibilità.

  4. #4 di Antonio Morelli il 31 gennaio, 2009 - 1:15 pm

    Anche se il codice non prevede la tortura o i maltrattamenti, ma….
    Ma prima è da stabilire se non si sono fatti del male da soli, e poi, perchè non devono provare almeno in minima parte quello che hanno fatto loro ad altri. Più insegnamento di questo cos potrebbe esserci?
    Voglio ricordarvi, che il fatto che esiste una “norma”, o un pericolo, e che questa venga applicata, nella democrazia moderna dovrebbe dissuadere chi viene a conoscenza della sanzione dal commettere lo stesso reato.
    Aggiungo:
    Ma i “Radicali” esistono ancora? pensavo fossero estinti politicamente.
    D’Elia? Caro D’Elia, a lei direi con grande franchezza, che Non parlo con i terroristi.

  5. #5 di milena il 31 gennaio, 2009 - 2:17 pm

    credo che sia sbagliato rispondere con la violenza non merita sporcarsi con certa c…a!
    Il mio consiglio è di mandarli a scontare una pena nel loro amatissimo paese di origine… chiedete se li le carceri son accoglienti.. e se esiste una possibilità che un disgraziato come loro sopravvive.. consigliate loro di chiedere di scontare la pena e magari processo e tutto al paesello natale…
    scommetti che non ci vorrebbero andare?

  6. #6 di Lucrezia il 31 gennaio, 2009 - 2:35 pm

    Sono sempre per i diritti umani e per la pace.
    La violenza produce violenza.
    La guerra crudeltà, fame e carestia.

    Sono donna, ho orrore della violenza, della violazione del mio corpo e di quello di un’altra donna, di qualsiasi essere umano, indifeso…

    Voglio la loro punizione, non la vendetta…

    Li odio, ma non voglio odiarli. So che è facile parlare così perchè non sono io la vittima della violenza, la vittima di quelle atroci crudeltà, nè lo è una persona a me vicina…
    Non so dire cosa farei… ho orrore di questa cattiveria. Non so dire se saprei perdonare.
    Oggi posso dire che nessuna violenza è giustificabile da uomo o donna su un altro uomo o donna.
    Nessuna!!!

    Lucrezia

  7. #7 di girasolenotturno il 31 gennaio, 2009 - 7:08 pm

    Questa storia la sto vivendo molto da vicino… visto che abito a Guidonia. Vi posso dire che non viene detto tutto… cosa vi potete aspettare dai giornalisti? Niente di buono… naturalmente! Diciamo che ormai si respira da Anni e confermo Anni un’aria pesante, e questo stupro non è altro che la classica “Goccia”. Intanto due di questi Esseri Ignobili sono al sicuro in casa di parenti… ma perchè non ce li hanno lasciati a noi, per 5 minuti??? E dire che io sono una Pacifista… Ciao Alessandra

  8. #8 di laura sensi il 31 gennaio, 2009 - 10:39 pm

    I radicali esistono, come esistono e dovranno sempre esistere quelli che vanno ‘in direzione ostinata e contraria’. Vi dicono qualcosa queste parole?
    Quelli che difendono gli assassini, i reietti, quelli di cui nessuno ha pietà.
    Se penso che poteva capitare a mia figlia…
    Eppure bisogna sempre vedere ( e, se ci riesce) cercare di capire gli altri, quelli che sono ‘le bestie’. Perchè fanno questo? Cosa li ha portati ad una tale aberrazione? Pensateci…

  9. #9 di Domenico Malara il 31 gennaio, 2009 - 11:24 pm

    @Laura
    Se rubavano in un supermercato potevo capire che erano dei poveri cristi e lo facevano per bisogno. Ma cosa c’è da capire in uno stupro?

  10. #10 di Patrizia Vaier il 1 febbraio, 2009 - 3:48 pm

    Basta, uniamoci per fare qualcosa, carcere duro agli stupratori, isolamento. E’ il peggiore dei crimini insieme all’omicidio ed alle violenze sui bimbi. Non m’interessa l’alta finanza e le sue gabbole, prendo le distanze, ma i signori Coppola e Ricucci hanno fatto più carcere di alcuni stupratori, è possibile? Togliamo l’assistenza legale ai reo confesso, sia il patrocinio gratuito che l’avvocatura a pagamento. Confessione? Massimo della pena d’ufficio ed interamente da scontare.

  11. #11 di Paolo Liceri il 1 febbraio, 2009 - 4:23 pm

    Cara Bernardini, mi auguro vivamente che lei non possa trovare sulla strada dei stupratori, perchè allora vorrei vedere se andrebbe a confortarli in carcere.
    Ai reo confesso proporrei la massima pena senza diritto di avvocati (certo che gli avvocati che difendono questi mostri hanno pelo sullo stomaco).

  12. #12 di Matteo Malpetti il 1 febbraio, 2009 - 5:35 pm

    NO ALLA VIOLENZA, ma come fai a trovarti di fronte ad una persona che ha violentato una donna o un bambino e non provare l’istinto di spaccargli la faccia?

  13. #13 di Bruno il 1 febbraio, 2009 - 11:33 pm

    Sono anch’io contrario alla violenza: se uno mi ruba in casa mica lo prendo a mazzate, ma se ci riesco lo faccio incarcerare (vi assicuro che è difficile farli finire dentro). Qui però si tratta di aver passato il limite: io sono sicuro al 100% che solo perdonando si crea un mondo migliore, ma non perdonando questa gente. Se potessi a questi un paio di mazzate secche le avrei date. Esprimo però un paio di idee che non collidono per niente col desiderio di rompere con una mazza gli arti agli stupratori
    1)l’immigrazione è un fenomeno difficile da gestire, ma non è impedendolo che lo si risolve. Se anche si riuscisse ad impedire l’immigrazione non avremmo risolto il problema della pubblica sicurezza, perché questo problema è figlio diretto dell’impunità.
    2)Le forze dell’ordine hanno la sbagliata abitudine di abusare del proprio potere, e di ciò son convinto dopo aver visto questa puntata di blu notte, che vi consiglio http://www.youtube.com/watch?v=c9I_tHhRUWE&hl=it poi ho già ribadito che a sti stupratori potevan pure spaccare le gambe che non mi sarebbe affatto dispiaciuto.

  14. #14 di manuel il 2 febbraio, 2009 - 12:40 am

    BASTA!!!!!!!Carcere a vita, cella di isolamento da quattro metri quadri, senza finestre, 1 catino x cagare e pisciare che gli verrà cambiato MENSILMENTE, 1 bicchiere d’acqua al giorno, cibo scadente e xchè no scaduto, l’inverno al gelo, l’estate al caldo che asfissia! Ogni sera razione abbondante di botte con bastonate fino al pianto! Ogni giorno dovranno pentirsi di essere nati, dovranno provare dolori atroci vicini alla morte…ma non morire….sarebbe troppo facile, soffrire soffrire soffrire PER TUTTA LA VITA!! Solo cosi giustizia sarà fatta…per i 5 romeni e x tutti i stupratori (italiani, albanesi, rumeni, inglesi, spagnoli,… la nazionalità nn centra nulla!!!! )

  15. #15 di GIUSEPPE il 2 febbraio, 2009 - 1:00 am

    ho una moglie e una bimba di sei anni……spero non accada mai nulla di male a loro……saprei uccidere per questo!!!!
    bestia di una bernardini e compagnia bella, gli italiani ne hanno piene le palle di sto stao di mmmmmm
    e vi metto al pari degli stupratori stessi, ma porca eva come fate a difenderli???a morte sta merda di gente NON LI VOGLIAMO!!!!!!BASTA STOP CON STI IMMIGRATI E CHE CA….!!!!
    E POI…..CRIMINALI CHE DIFENDONO CRIMINALI D’ELIA E TUTTA LA BATTERIA CHE E’ AL GOVERNO!!!!!VERGOGNA!!!

    UN FASCISTA

  16. #16 di Ema il 2 febbraio, 2009 - 1:35 pm

    Non tutti gli immigrati sono cattivi.

    Ma questi sei si…sono felice che li hanno pestati…andrebbero pestati ogni giorno…

    Chi li difende è più delinquente di loro

  17. #17 di daniele il 2 febbraio, 2009 - 4:02 pm

    Lucrezia è facile parlare cosi se non si vivono tali cose in prima persona…se avessero stuprato lei o sua figlia sono sicuro che il suo commento avrebbe avuto un contenuto diverso…
    Bernardini fai ridere, non interessa a nessuno ciò che fai. Al massimo fai ridere

  18. #18 di Mauro il 2 febbraio, 2009 - 6:06 pm

    Poverini, sono stati picchiati…dovevano spaccar loro braccia e mani, oltre a castrarli.
    Questi sono i frutti del bel comunismo, il risultato dei “paradisi dell’Est”, gentaglia cresciuta sotto il regime di Ceausescu, che sa riconoscere e rispetta un solo modo di agire, ossia quello della violenza.
    Speriamo che qualcuno in carcere li ammazzi di botte: state certi che quello sarebbe il messaggio migliore per far comprendere a simili merde che l’aria sta cambiando, e che non ne possiamo più di gentaglia simile.
    Per quanto riguarda personaggi come D’Elia non spreco tempo a definirli: peccato che, a suo tempo, qualche carabiniere non lo abbia steccato.

  19. #19 di Francesco il 2 febbraio, 2009 - 11:38 pm

    Allora io vorrei cominciare premettendo che non sono ne razzista e tanto meno difendo quello che hanno fatto questi sei rumeni. Però, ragionate un’attimo: Io una volta parlai con un commissario in pensione della polizia (amico di famiglia) che ha spesso lavorato la notte, lui mi disse che nella sola Roma, e soltanto di notte, avvengono in media la “”modesta”” cifra di 10 stupri!! Commessi indistintamente sia da italiani che non. Ora, non vi viene in mente che il nostro presidente del consiglio stia martellando la gente attraverso i suoi canali con questa notizia, che ti fanno passare come un eccezione quando purtroppo avviene spessisimo, solo per avere il consenso da parte degli elettori sullo scempio che stanno compiendo a Lampedusa? Ragionate, io non appoggio minimamente quello che hanno fatto quei Rumeni, ma non vi pare che reagendo così come fatte voi, vi stiate solo strumentalizzando nella esatta maniera che vogliono loro? Pensateci.

  20. #20 di Valerio il 3 febbraio, 2009 - 12:09 am

    Singhiozzano? piangono? Ringrazino per questa concessione e con immensa riconoscenza le illegittime istituzioni di merda, perchè se non ci fossero state loro a toglierli dalla unica vera giustizia, quella della gente, i 6 merdosi adesso sarebbero stati oggetto di tortura…ed io che abito dall’altra parte di Roma avrei fatto volentieri una gita a Guidonia solo per contribuire un po alla loro sofferenza.
    Bernardini e D’Elia prendono anche uno stipendio per fare gli amici di questa categoria di gente? Come si può avere pietà per queste cose?

  21. #21 di Ciccio il 3 febbraio, 2009 - 7:45 pm

    @ Domenico Malara: ho visitato più volte il tuo blog e devodire che, ogni volta che torno a leggerti, la mia idea di te diventa sempre peggiore. Da qualche parte, forse su un altro blog ho letto che dichiari di non essere un elettore di berlusconi (o delle dastra, non ricordo bene) abbi almeno l’onestà di ammetterlo, sei di destra, ed anche incapace di ragionare con logica, e te lo dimostro. Nel tuo articolo (merita tale definizione?)tu scrivi: “Le ricordo inoltre che nel nostro codice è anche previsto che nessuno debba subire pestaggi e violenze solo perché si azzarda incatuamente ad uscire la sera” Verissimo! e condivisibile. Però, se fossi in grado di ragionare con logica, ti renderesti conto che la frase dovrebbe finire prima. La sua stesura dovrebbe essere: “nel nostro codice è anche previsto che nessuno debba subire pestaggi e violenze” e così capiresti che “nessuno” vuol dire proprio nessuno. Ti ricordo, infatti, che gli stupratori sono perseguiti per la loro violenza (altro è il discorso delle pene blande e non sicure), mntre i loro aguzzini no. Questo, in uno stato che voglia definirsi democratico, è inammissibile.

  22. #22 di marco il 3 febbraio, 2009 - 9:47 pm

    …tutto può essere risolto con poche righe:
    rispondendo aLLa badescu:Forse non tutti i rumeni sono delle merde, ma l’80% sicuro.
    Infatti le carceri sono piene di Rumeni, marocchini, tunisini, e poi neri africani.
    Sono pochi gli altri extrastronzi, che rispondono alle percentuali di cattiveria che normalmente esistono nel mondo.
    Per quanto riguarda giudici, parlamentari, o chi comunque impugna queste battaglie contro la violenza cavalcando dei fatti di cronaca e facendoli passare per crudelta nei confronti degli aguzzini ebbene sappiate che:
    con poche lire possiamo pagare le stesse persone che difendete e farvi accoppare o stuprare le vostre figlie o qualsiasi maltra cosa vi venga in mente…anzi forse sono già in viaggio per cercarvi!
    Allora io ci penserei due volte prima di difendere certe bestie perchè prima o poi saranno i vostri carnefici. Auguri a Voi e attenti!!

  23. #23 di Domenico Malara il 3 febbraio, 2009 - 10:02 pm

    @ Ciccio
    Beh, non si può sempre piacere a tutti e in ogni caso, grazie a Dio, ognuno è libero di manifestare le proprie idee. Non mi sembra, comunque, che essere di destra o avere delle idee di destra sia un delitto. In ogni caso grazie per il tuo contributo alla discussione.

  24. #24 di Ciccio il 4 febbraio, 2009 - 12:04 am

    @ domenico malara
    Prima di tutto grazie per l’ospitalità.
    No, essere di destra non è cero un delitto, negarlo è però segno di viltà o, almeno, scarsa convinzione o scarsa fiducia nelle proprie opinioni.
    In ogni caso non hai risposto alla mia obiezione, che ti ripropongo: “gli stupratori sono perseguiti per la loro violenza (altro è il discorso delle pene blande e non sicure), mentre i loro aguzzini no.” Ti sembra ammissibile?

  25. #25 di Ciccio il 4 febbraio, 2009 - 12:10 am

    @ Marco emolti altri.
    Quali statistiche hai letto che affermino, su basi inopinabili, che l80% dei rumeni siano di sicuro delle merde? Se mi posti il link sarò lieto di informarmi ma, se non lo posti, mi sento autorizzato a dirti che sei un razzista ignorante e che, sulla stessa base su cui tu basi la tua affermazione, io posso allora affermare che tutti gli italiani, o almeno l80% di sicuro, sono dei fannulloni, tutti i siciliani, o almeno l’80% di sicuro, sono mafiosi, tutti i veneti, o almeno l’80% di sicuro, sono alcolisti, e potrei andare avanti con i pregiudizi ancora per molto. Ma tu capisci ciò che dici, o hai scollegato il cervello dalle dita quando digiti?

  26. #26 di Ciccio il 4 febbraio, 2009 - 12:16 am

    @ Domenico, marco, ecc.
    Mancherò per due giorni ma, siatene certi, se lo riterrò necessario, al mio ritorno risponderò alle vostre repliche, ammesso che ci siano.
    Saluti.

  27. #27 di Domenico Malara il 4 febbraio, 2009 - 8:15 am

    @ Ciccio
    Mi sembra di non aver mai negato le mie idee di destra, ho solo detto non essere un elettore di Berlusconi ed è la verità. Essere di destra non significa votare Berlusconi, così come essere di destra non significa (almeno non più) votare Fini.
    In merito alla tua obiezione, vorrei capire chi sono gli aguzzini degli stupratori. E poi vorrei comprendere la tua strenua difesa per bestie del genere che sono macchiati di crimini orrendi. Oppure anche per te l’unico e solo criminale in Italia è Berlusconi?

  28. #28 di Mauro il 4 febbraio, 2009 - 7:46 pm

    @ Ciccio.
    Caro Ciccio, il tuo ragionamento non fa una piega: in uno stato di diritto andrebbero perseguiti sia gli stupratori sia i loro aguzzini.
    Peccato che, al giorno d’oggi, lo stato sia divenuto estremamente garantista nella stragrande maggioranza dei casi solo con i primi…
    La cronaca è piena di episodi con un comune denominatore, ossia il pronto rilascio dei colpevoli di stupri, omicidi commessi durante folli corse (spesso fatte da delinquenti sprovvisti di patente, a bordo di auto rubate, ecc).
    A fronte di tutto ciò sta crescendo un sentimento di rabbia verso gli autori di tali “imprese”, anche perchè questi signori mostrano di aver compreso perfettamente come funzionano le cose nel nostro paese.
    Trovo pertanto normalissimo nella realtà quotidiana, che ci piaccia o meno, il fatto che la gente comune non vada troppo per il sottile pur di far cessare simili episodi.
    Se poi invece vogliamo disquisire amabilmente su leggi e leggine, beh, su quello siamo tutti d’accordo che non dovrebbero essere i cittadini o le FdO a fare giustizia sommaria. Prima di arrivare a tanto, sarebbe meglio che ci pensassero i nostri politici ad adottare i provvedimenti del caso. Mi permetto tuttavia di farti notare fin da adesso che ci sarà qualcuno, guardacaso a sinistra, che griderà al “fascismo”, qualora passassero provvedimenti tesi a colpire duramente chi delinque…

  29. #29 di Ciccio il 5 febbraio, 2009 - 7:04 pm

    @ Domenico
    Ciao Domenico, ancora grazie per l’ospitalità e, come promesso eccomi con le risposte:
    Votare a destra è, anche se indirettamente, votare berlusconi, credo ci sia poco da discutere su questo, prova a dimistrarmi il contrario.
    Io non difendo “bestie del genere” come le definisci tu, io dico solo che esiste uno stato e la sua legge (che tu, come uomo di destra, dovresti fortemente riconoscere) questa va rispettata e prevede che NESSUNO possa essere malmenato impunemente. Poi che chi usa violenza vada punito (ma dalla legge dello stato) è fuori discussione. berlusconi (minuscolo anche dopo un punto fermo) non è, purtroppo, l’unico criminale d’Italia…

  30. #30 di Ciccio il 5 febbraio, 2009 - 7:13 pm

    @ Mauro
    Ciao Mauro, al livello discorsivo posso anche comprendere ciò che scrivi, ma trovo estremamente triste che tu trovi “normalissimo” ciò che accade.
    Se trovi che le leggi siano insufficienti devi lottare per cambiarle, non fartele da te. pensa che caos se ognuno fasesse da sé!.
    Questi comunisti di merda! Ma smettila! sul fatto che i crimini vadano repressi siamo tutti d’accordo, possiamo al più discutere del metodo, io non potrò mai appoggiare torture o altri metodi che non mirino al recupero ma ti vorrei far notare che questo non è essere di sinistra, è anche la disciplina lasciataci dal Cristo. Se hai mai letto il vangelo te ne potrai rendere conto, ti cito alcune frasi (lo faccio a memoria, quindi, forse non saranno testuali, ma il senso, ti assicuro, è rispettato): “chi è senza peccato scagli la prima pietra”, oppure: “non è dal sano che deve andare il dottore”, ed ancora: “ciò che farete al più piccolo dei miei fratelli lo avrete fatto a me”, ecc.
    Tu ci vai a messa? o almeno ti professi cattolico (o cristiano)? Se si medita…

  31. #31 di Angelo il 15 febbraio, 2009 - 10:43 pm

    Dovremo abituarci,
    Se sapete un pò di inglese andate su internet a prendere informazioni riguardo gli stupri in Africa.
    In Sud Africa, uno ogno 28 second. In Africa in generale uno ogno 0,05 secondi.
    In America 1 ogni 5 minuti (Donne bianche stuprate da neri)
    Quindi signori ancora non avete visto nulla, aspettate che gli stranieri quandofra qualche anno saranno il 40% allora si che saranno guai grossi.

    Saluti Angelo

  32. #32 di Ciccio il 16 febbraio, 2009 - 2:02 pm

    @ Angelo,
    per favore, vuoi aggiungere i link a queste fonti di informzione?
    Grazie

  33. #33 di Domenico Malara il 16 febbraio, 2009 - 2:50 pm

    @ Ciccio
    Sei pregato di fornire UN’EMAIL CORRETTA (visto che sei tanto bravo a correggere gli altri), altrimenti sarò costretto ad eliminare i tuoi commenti e non accettare i prossimi che invierai. Grazie

  34. #34 di Ciccio il 16 febbraio, 2009 - 3:41 pm

    @ Domenico
    Ciao Domenico, la mia e-mail darebbe informzaioni circa la mia identità e, come già detto, non sono nella condizione di espormi.
    Sei libero di eliminare i miei commenti e di non accettare i prossimi, è un tuo diritto ma, visto che non mi sembra di avere infranto alcuna legge, ai miei occhi tale comportamento risulterebbe censorio, e sei tu ad avermi accusato di avere uno strano concetto di democrazia.
    Mi verrebbe anzi da pensare che così, non avendo la capacità di contrastare con argomenti concreti le mie critiche, avresti trovato una buona scusa per eliminare un interlocutore scomodo che ti fa fare la figura che meriti.
    Elimina pure ciò che vuoi, ripeto, è un tuo diritto, ma poi, ti prego, esamina approfonditamente il tuo concetto di democrazia.

  35. #35 di Domenico Malara il 16 febbraio, 2009 - 4:02 pm

    @ CICCIO E PER TUTTI GLI UTENTI DI QUESTO BLOG
    Il mio concetto di democrazia è abbastaza chiaro, forse sfugge a te il piccolo particolare che anche la democrazia, che ti piaccia o no, ha le sue regole. Mi sembra che fino ad ora non ti ho mai censurato un commento, ti ho concesso tutto lo spazio che desideravi. Io ci metto nome, cognome e faccia. Tu, invece, ti nascondi dietro un nome (a questo punto dubito che sia il tuo) e dietro una falsa email. Qui nessuno ha da nascondere niente. Non mi sembra di averti chiesto recapiti telefonici, gruppo sangugno o identità sessuale e religiosa. Solo il tuo nome e cognome e la tua email (che peraltro rimarrà privata, non comparirà nei commenti). Mi sembra che questa si chiami democrazia.
    Capisco che il concetto di regole a qualcuno può fare venire l’orticaria, ma anche questo blog ne ha qualcuna, ed è bene impressa nella pagina iniziale (in lato a destra), dove ho scritto che “Non verranno approvati i commenti la cui mail risulterà falsa”. Non mi sembra, dunque, che ti abbia chiesto niente che non abbia già chiesto ad altri che commentano i miei pezzi. Ergo, non è una misura per “eliminare”, come dici tu “un interlocutore scomodo”. Per me sei un interlocutore come tutti gli altri, né comodo né scomodo. E come tutti gli altri devi sottostare alle regole di questo blog.
    Quindi, se mi fornisci la tua email (che, ripeto, rimarra privata) sarai il benvenuto, diversamente sarò costretto ad eliminare i tuoi commenti. Decidi tu. Come vedi ti do ampia libertà di scelta. D’altronde siamo in democrazia. O no?

  36. #36 di Ciccio il 17 febbraio, 2009 - 11:11 pm

    @ Domenico Malara
    Ciao Domenico.
    Ti assicuro che a me il rispetto delle regole non crea nessuna difficoltà, anzi…
    Cerco solo di pormi, anche di fronte a queste, con spirito critico e quindi, se non creo disagi, non mi preoccupa più di tanto infrangerne qualcuna.
    In ogni caso, per farti contento, ho appena aperto un account gmail (che puoi verificare), anche perché dopo tutto, in questa sede hai ragione tu, siamo a casa tua e le regole le stabilisci tu. Scusami se non le ho rispettate da subito.
    Un’osservazione, però, perdonami, te la faccio (è un mio vizio). Tu scrivi: “Come vedi ti do ampia libertà di scelta.”
    Non direi proprio, possibilità di scelta si, ampia no: O fai come ti dico o cancellerò i tuoi commenti e non accetterò quelli futuri. Dov’è l’ampiezza della scelta?

    Con rispetto (delle regole)

    Ciccio

  37. #37 di Francesco il 18 febbraio, 2009 - 8:23 pm

    Sarei felice se solo la giustizia avesse un giusto corso, e seguisse quel corso. Riguardo i pestaggi c’è poco da dire. Posto che siano stati dei veri pestaggi, e non fenomeni di autolesionismo, e ammesso che se ciò fosse avvenuto, sarebbe stato illegale, mi lascia senza parole il fatto che, come sempre, il colpevole debba essere tutelato e la vittima dimenticata. Mancherebbe soltanto un bel fondo o un’organizzazione onlus per sostenere gli stupratori e difenderli. Al giorno d’oggi non mi stupirebbe più. Quanto a me,non riuscirei a provare alcuna compassione per dei mostri.

  38. #38 di tamara il 19 febbraio, 2009 - 12:02 am

    cara bernardini che vuoi tanto bene a queste persone portali a casa tua e magari se hai una figlia mettla con loro visto che ti stanno così a cuore.non sono uomini sono animali(no gli animai si ffendono) sono degli esseri immondi dovevano picchiarli di più e non solo dovevano farli camminare a 4 zampe e metterli in cella con chi dico io vergognati e pensa a una bimd di 15 anni, io ne ho 32 l’ho vissuto a 16 e ancora ci penso grazie a quelli come te

  39. #39 di Ciccio il 19 febbraio, 2009 - 1:14 pm

    @ Tamara ed a tutti.
    Ciao Tamara, prima di tutto vorrei esprimere il massimo rispetto per la tua disavventura. Questo, però, non autorizza nessuno a farsi giustizia da sé, anche se posso capire la reazione istintiva. L’uomo si distingue dagli animali, oltre che per la parola, per la ragione, e credo che questa debba prevalere sull’istinto, se non vogliamo ridurci al livello di bestie (come fanno già gli stupratori). Pensa se chiunque abbia subito un furto potesse entrare a forza in casa di coloro che lo hanno derubato a riprendersi il maltolto, o se chi abbia subito un omicidio in famiglia potesse vendicarsi personalmente…
    La legge va rispettata soprattutto da chi ha subito un torto, diversamente ci mettiamo sullo stesso piano dei delinquenti (ti assicuro che anch’io ho subito i miei torti, ma non ho mai pensato di trasformarmi nel giustiziere di mezzanotte). Se le leggi non sono sufficienti, in uno stato civile (e l’Italia ha la pretesa di esserlo) si lotta per migliorarle e cambiarle, non per ignorarle e fare da sé.

    A tutti quanti, poi, vorrei porre uno spunto di riflessione: tutti avete detto (più o meno): “pensa se la persona violentata fossi tu, o tua figlia…”. Giustissimo! Vorrei, però, ribaltare la domanda e farla diventare: “Pensa se il violentatore fosse tuo figlio…” (credo che nessuno possa escludere, purtroppo, questa eventualità).
    A Napoli si dice: “Chi ha figli maschi non dica ladro, chi ha figlie femmine non dica puttana”.

  40. #40 di Domenico Malara il 19 febbraio, 2009 - 5:18 pm

    @ Ciccio
    Se il violentatore era mio mio figlio, stai pure tranquillo che non aspettavo che a linciarlo fossero gli altri. Poi l’avrei consegnato alla giustizia e mi sarei battuto per fargli finire i suoi giorni in carcere. Di certo non gli avrei detto: “poverino, va capito. Dategli un’altra possibilità. Sapete, l’ha fatto solo per noia e per divertirsi”.
    A proposito lo stupratore rumeno che ha violentato la 14 enne a Roma, era già stato arrestato, denunciato 9 volte e condanne dal 2007, ma un giudice ha ritenuto che questa bestia non fosse pericolosa. Infine un avvocato con le funzioni di magistrato lo ha fatto restare in Italia nonostante avesse sulle spalle un’espulsione. Come la mettiamo?

  41. #41 di Ciccio il 19 febbraio, 2009 - 6:58 pm

    @ Domenico,
    capisco ciò che dici, ma condivido solo una parte, cioé quella in cui dici che lo avresti consegnato alla giustizia. Non aspetterei che fossero gli altri, ma non lo lincerei neanche io, né mi batterei per fargli finire i suoi giorni in galera, ma certo per fargli avere la condanna prevista dalla legge. Mi stupisce, credimi, questo tuo, e non solo, voler ignorare la legge, ergendovi a giustizieri. Cosa vi fa credere che il vostro modo di gestire la giustizia sarebbe quello giusto? Io rimango convinto che lo stato e le sue leggi vadano rispettati e, se occorre, criticati e cambiati, ma sempre attraverso un processo democratico.

    P.S.: Mi ridai l’avatar con gli occhiali scuri? Mi manca!

  42. #42 di Domenico Malara il 21 febbraio, 2009 - 5:56 pm

    @ Ciccio
    Dici: “Mi stupisce, credimi, questo tuo, e non solo, voler ignorare la legge…”. Non credi che, al contrario, è la legge ad ignorare la gente onesta?
    A presto.

  43. #43 di Ciccio il 22 febbraio, 2009 - 4:39 pm

    @ Domenico.
    Si Domenico, potrei anche dirti che è così.
    Sinceramente, però, generalizzerei meno e direi che, in certi casi, la legge non tutela a sufficienza la gente onesta.
    Io cercavo, comunque, di focalizzare l’attenzione sul fatto che, in una democrazia, se la legge non mi piace, non mi faccio giustizia da solo, ma uso gli strumenti che la democrazia stessa mi mette a disposizione per cambiare la legge.
    A corollario di ciò, aggiungo anche che, in rispetto alla democrazia, se anche i risultati di una consultazione non rispecchiassero le mie aspettative, li rispetterei riservandomi, però, il diritto di contestarli, sempre nel ispetto delle regole della democrazia.
    Se a prevalere è la forza, in qualunque caso, rischia di finire la democrazia.

    Cordialmente

  44. #44 di ANDREA il 25 febbraio, 2009 - 5:17 pm

    italia e stato italiano : gli stupratori non vengono trattati dalla legge come dovrebbero essere trattati e a chi da fuoco alle persone vengonono dati arresti domiciliari e appoggio ai centri di assistenza. invece per chi alza il gomito a piu di 1.5 viene distrutto e privato della propieta’ dell’auto con multe superiori ai 2500 euro e da 6 mesi a 2 anni di sopensione patente sia in primo reato e sia che nn sia stato leso nessun terzo . la modifica sulla legge 186 e’ uno schifo e porta alla distruzione completa gli individui senza alcun appello e senza alcuna distinzione.valutate che alcuni nn hanno ancora finito di pagare l’automobile valutate che altre persone hanno solo un’auto a nucleo famigliare . legge placebo e ingiusta solo x rimpinguare le casse dello stato e non risolvere alcun problema. se siete contro anche voi a tutto questo schifo firmate

    PETIZIONE ON LINE NO ALLA CONFISCA DELL’AUTO

    http://firmiamo.it/sign/list/noallaconfiscadellauto

    GRAZIE a chi firmera’ e a chi diffondera’ l’informazione ANDREA

  45. #45 di Alessio il 11 marzo, 2009 - 2:32 am

    Prima di dire ke pedofili e stupratori si meritano certi trattamenti nelle carceri dovreste essere sicuri al 100per cento della loro colpevolezza.infatti nel caso specifico di guidonia pare che i 2rumeni sn al 50per cento,dal momento ke gli esami del dna neanche corrispondono.ed ora cm la mettiamo?

  46. #46 di ilgattosilver il 18 novembre, 2009 - 3:30 pm

    Massì, meniamo pure gli spacciatori e i drogati…
    Acc… Come dite?
    Già fatto?

  47. #47 di fede il 17 dicembre, 2009 - 5:24 am

    io nn sono daccordo con l’articolo,..premesso ,essere malmenati e fagli sputare tutti i denti penso non si abbastanza come punizione corporale,io farei di peggio,ma proprio per questo esiste una “giustizia”….se tutti si facessero giustizia da soli sarebbe il caos,e anche se d’accordo con i carabinieri che lo hanno menato,nn lo possiamo permettere,senò la parvenza di libertà che resta in italia andrbbe a farsi fottere,con ronde leghiste ecc….parlando dei comunisti che profetizzano vittimismo,cosa c’è da dire…patetici,si deve difendere la causa e nn cercare di creare martiri da sfruttare teste di cazzo….c’è gia silvio per quello!

  48. #48 di Geff Spicmen il 10 dicembre, 2010 - 3:06 am

    gli extracomunitari sono solo m****, pazzesco che ci sia chi li difende. E quei pezzenti sarebbero risorse? Ma svegliatevi, somari buonisti… oppure prendeteveli voi in casa a spese vostre. Immigrazione rovina assoluta dell’Italia.

  1. Come volevasi dimostrare « Il blog di Domenico Malara
  2. L’Italia agli italiani « Il blog di Domenico Malara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: