Infermieri falsi come i soldi del monopoli

sanita_mazzette

Evvai. Come se non bastassero i politici farlocchi più dei soldi del monopoli, la Calabria, quella del Consiglio regionale più pagato e inquisito d’Italia, si arricchisce di un’altra categoria di falsi d’autore: gli infermieri.

Questa la notizia riportata dall’Ansa:

Settantadue persone sono state arrestate dai carabinieri perché accusate di truffa in quanto avrebbero acquistato il titolo di studio di infermiere. I provvedimenti restrittivi, di cui 70 ai domiciliari e due in carcere, sono stati emessi dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Cosenza, Loredana De Franco, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Francesco Minisci. Dalle indagini è emerso che le persone coinvolte nell’inchiesta avrebbero acquistato il diploma di laurea da infermiere pagandolo somme tra gli 8 e i 10 mila euro. Tra gli arrestati, secondo quanto si è appreso, c’è anche il presunto organizzatore della truffa che avrebbe avuto contatti con l’università Sacro Cuore di Roma. Gli arrestati svolgevano attività di infermiere in strutture sanitarie pubbliche e private. In alcune circostanze è emerso, dalle indagini dei carabinieri, il presunto coinvolgimento di interi nuclei familiari che svolgevano tutti la stessa attività professionale. Le persone coinvolte nelle indagini avrebbero conseguito il titolo di studio dopo il pagamento di denaro e senza aver svolto nessuna attività didattica. Gli arresti sono stati eseguiti in diverse città della Calabria ed anche a Roma.

Di infermieri falsi, onestamente, non se ne sentiva proprio il bisogno, in una regione in cui la sanità brilla per inefficienza, tra sprechi, truffe, appalti truccati, morti sospette, diagnosi errate e medici quanto meno discutibili (per fortuna non tutti). Tra i nosocomi basti ricordare lo “Jazzolino” di Vibo Valentia, divenuto per eccellenza il centro principale della mala-sanità calabrese, dove i Nas hanno accertato 800 infrazioni e il “Tiberio Evoli” di Melito Porto Salvo, con 40 violazioni riscontrate, riguardanti principalmente le scarse condizioni igienico-sanitarie come la muffa sulle apparecchiature per la dialisi o i ferri chirurgici posti accanto all’immondizia.

E intanto i familiari di Federica Monteleone, Eva Ruscio, Orazio Maccarone, Flavio Scutellà (nel video la testimoninza della madre), Sofia Castagnaro e Angela Scibilia, sono ancora lì a gridare giustizia.

Ma qual è, secondo il geniale governatore della Calabria Agazio Loiero, la migliore medicina per guarire i malanni della sanità calabrese? Risanare i conti in dissesto? Macché, meglio rifarsi una verginità perché «se in Calabria le cose vanno male, è colpa dell’immagine negativa che viene dai giornali» (Loiero dixit).

E per tornare vergini Loiero ha pensato bene di sponsorizzare la nazionale italiana di calcio con 8 milioni di euro. Beh, visto che devono passare le loro giornate davanti alla tv, i poveri malati ricoverati negli ospedali calabresi, almeno avranno di che esultare!

Che dire. Benvenuti in Calabria. E sperate sempre di non sentirvi mai male. (do.mal.)

Sull’argomento vi nvito a leggere anche questo post

votami-su-oknotizie

Advertisements

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di RITA il 10 dicembre, 2008 - 5:03 pm

    Piccolo fatto successo a me nel 1984/85 stavo seguendo il corso di infermieristica presso un ospedale di Udine (allora i corsi erano interni agli ospedali), siamo partiti in 46 in settemnre a dicembre già 15 del corso erano stati “silurati” arriviamo a maggio, sotto esami, ed una compagna trasferita al nord al seguito dei genitori, non andava prorpio tanto bene, era una delle candidate a ripetere l’anno…………….
    Si fanno gli esami e dei famosi 46 in 2* ne passano una ventina, la compagna di cui avevo parlato prima però è andata giu a fare gli esami, ed è passata con il massimo dei voti……………….
    Ora una delle due o giu sono larghi di maniche o qua da noi erano un po troppo severi decidete voi………….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: