E la sinistra già pensa di clonare la social card

social-cardPoteva mai la sinistra spendere parole di apprezzamento per  la social card del governo Berlusconi? Assolutamente no. Il primo a dire la sua, neanche a dirlo, è stato Guglielmo Epifani, leader riconosciuto di una sinistra che ha da tempo rinnegato il povero Uolter Veltroni. Il numero uno della Cgil parla del provvedimento governativo a favore delle fasce meno abbienti come di «uno strumento usato da Roosevelt negli anni Trenta, una cosa vecchia di 60 anni». Al coro si unisce anche Rosy Bindi che parla di «pannicello caldo» e il segretario di Rifondazione comunista Paolo Ferrero, che addirittura paragona la social card alle tessere annonarie del fascismo.

E leggete cosa dichiara l’ex parlamentare no-global Francesco Caruso, quello che dall’Italia e dagli italiani ha percepito 20.000 euro al mese. Un ragazzetto latifondista, proprietario di una distesa di terreni agricoli diventato deputato per meriti eversivi:

«Aspettiamo di vedere questa social card, per capire se e come sia possibile clonarla, per distribuirne non una ma qualche centinaia di tessere ad ogni precario, pensionato, disoccupato. Tremonti, in nome del comune richiamo a Robin Hood, non ci denuncerà certo per quest’azione di risarcimento sociale»

Parto dal precupposto che 40 euro al mese non sono di certo il paltò di Napoleone (Totò docet) che possono risolvere i problemi delle famiglie che non arrivano neppure alla terza settimana ma, come si dice in questi casi, sono sempre meglio di un calcio nel sedere (o nelle palle, ma detta così discriminerei una parte della popolazione!).

Per quanto riguarda lo strumento in quanto tale, ovviamente quelle che raccontano Epifani e Ferrero sono emerite castronerie. Delle due l’una: o mentono sapendo di mentire oppure l’antiberlusconismo li ha accecati così tanto da non sapere che questo tipo di card esistono già in mezzo mondo.

social-card-pennsylvaniaUna carta ricaricabile per meno abbienti o per i giovani a basso reddito esiste in Gran Bretagna, Polonia e Olanda, con le stesse caratteristiche della social card italiana. Negli Usa è stata riavviata nel 1961 e dal primo ottobre di quest’anno è mirata agli acquisti di viveri per le persone a basso reddito (nella foto quella della Pennsylvania). Un’altra card lanciata dalla Croce Rossa si è rivelata determinante dopo l’uragano Katrina. Lo stato della Georgia, invece, la utilizza per il supporto all’infanzia e per evitare alle famiglie bisognose le spese dei conti bancari.

Condannando la social card, però, la Bindi, Ferrero, Caruso ed Epifani non ricordano agli italiani cosa ha fatto il governo Prodi per le fasce meno abbienti. Menziono solo due aspetti, per il resto vi rimando al blog di Wallace73:

Con l’aumento delle aliquote, il governo di centrosinistra ridusse la fascia di esenzione totale dalle tasse e soprattutto creò gli incapienti: contribuenti a basso reddito che, essendo esclusi dalla denuncia dei redditi, non potevano neppure usufruire delle detrazioni fiscali e di altri benefici. Non solo. La sinistra costrinse le fasce deboli a pagare anche le addizionali comunali e regionali, che non prevedevano alcuna franchigia per i disagiati.

Oggi quella stessa sinistra contesta le misure prese dal governo Berlusconi. E  ovviamente non si tratta dei 40 euro, i sinistri avrebbero fatto la voce grossa anche se fossero stati mille euro, così come è già avvenuto per il bonus bebè e l’aumento delle pensioni minime. Che ci volete fare, ognuno si eccita come può! (do.mal.)

votami-su-oknotizie

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di nonallineato il 28 novembre, 2008 - 12:40 pm

    Forse le osservazioni contrarie andrebbero analizzate con maggior serenità, altrimenti si rischia ari prevenzione pregiudiziale che non aiuta. Le social card esistono anche negli USA oltre che nei paesi ch hai citato. L’organizzazione sociale di quei paesi è ben diversa dalla nostra e non prevedono certo le tutele sociali che in TEORIA ci sono in Italia. Se ci limitiamo al mero avallo “ci sono anche altrove”, si potrebbe dire che altrove cìè tanto di buono che qui viene demonizzato.
    Ma aprescindere, certo meglio questo che niente. Rimane il fatto che le crisi sono le circostanze nelle quali si dovrebbe fare riforme strutturali che aiuterebbero l’economia e le riduzioni del sistema dei prezzi. Mi auguro che avvenga.
    Ciò non toglie che le social card siano uno strumento che non mi piace.
    luigi nonallineato

  2. #2 di donfrengo il 28 novembre, 2008 - 4:16 pm

    l’unico eccitato mi sembri tu…..

    comunque questi sono problemi seri….altro che calcio nelle palle….

    io eviterei di fare il solito discorso destra-sinistra…..
    eviterei anche di scrivere articoli inutili e ridicoli ….ma questo lo so….è chiedere troppo.

  3. #3 di Antonio Aprile il 30 novembre, 2008 - 4:24 pm

    Stavolta sono (quasi) d’accordo con te. la sinistra che critica anche una cosa a favore della povera gente mi pare sinceramente fuori luogo.
    Io, molto onestamente, questa gente da quando ha smesso di chiamarsi pds (dai tempi di Occhetto, per intenderci) non riesco più a farmeli calare.
    Prima predicavano bene e razzolavano male,ora, soprattutto con veltroni, continuano a razzolare male ma non sanno più neanche predicare bene…
    manco l’illusione hanno lasciato.

  4. #4 di Keycleaccelia-online il 29 novembre, 2009 - 3:07 am

    quello che stavo cercando, grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: