L’Editto bulgaro di Michele Sant’Oro da Annozero

santoro

Ma quanto è bravo e quanto è bello Michele Sant’Oro da Annozero che dal pulpito di Raidue si innalza a fustigatore degli “editti bulgari”. Lui, il difensore della libertà di satira e d’informazione, il paladino della verità a senso unico alternato, adesso che fa? Diffida il suo imitatore a non imitarlo più.

Classico caso di doppia morale comunista: soppesare e valutare le cose secondo le proprie convenienze, applicare una morale agli amici e un’altra ai nemici.

Ma veniamo ai fatti. Sembra che Sant’Oro non abbia affatto gradito la sua imitazione proposta da Joe Violanti a Morning Show su Radio Dimensione Suono. Violanti durante la trasmissione,telefona ad alcuni politici e  spacciandosi proprio per Sant’Oro li invita ad Annozero. Alla fine della parodia lo scherzo, ovviamente, viene svelato e la cosa finisce lì. Non per il Savonarola de noantri, evidentemente, visto che si è lamentato personalmente con il patron del network, Edoardo Montefusco, e attraverso il suo legale ha formalmente diffidato il network a non imitarlo più.

Il testo integrale della diffida presentata a Rds dall’avvocato Felice d’Alfonso del Sordo, difensore di Sant’Oro, è stato anche pubblicato sul sito di Annozero:

Il dottor Michele Santoro mi dà incarico di contestarVi l’abusivo utilizzo della sua identità, che Voi state ponendo in essere in modo tale da danneggiare la preparazione e la realizzazione del lavoro del mio Cliente.
Specificamente il Vostro comportamento si sta realizzando illecitamente attraverso l’utilizzazione per i Vostri scopi del suo nome e del nome della sua trasmissione con le modalità e negli ambienti propri nei quali egli effettivamente svolge la sua attività preparatoria di “Anno Zero”, generando così una inammissibile falsata percezione dell’identità dello stesso, del suo lavoro e di quello dei suoi collaboratori.
Con la presente diffida formale Vi intimo di cessare, con decorrenza immediata, dall’illecito comportamento di cui sopra, che determina danno e pregiudizio ai diritti dell’identità e della personalità del mio Cliente oltreché della sua espressione professionale e della sua attività.
Con riserva di agire per il risarcimento dei danni subiti e subendi.

Ed è proprio Joe Violanti che risponde per le rime al “dottor Michele Santoro”:

«Da quale pulpito poi viene da predica visto che la satira della Guzzanti nella sua trasmissione non mi sembra così tenera»

Ma che c’entra, dai. La Guzzanti è un’icona della satira di sinistra, lei può, lei deve. La sua è una missione affidatagli dal messia di Annozero. Deve evangelizzare, deve catechizzare le pecorelle smarrite della destra.

Indovinate, invece, chi prende le difese del Michele nazionale. Ovviamente il suo compagno di merende Marco Travaglio:

«Se mi sbaglio sono pronto a cospargermi il capo di cenere, ma non credo proprio che Michele voglia censurare la sua imitazione…  E poi voglio prima vedere la lettera, altrimenti non ci credo. Perchè non la pubblicano? Sparare su Santoro fa sempre bene alla carriera»

Forse al momento dell’arringa difensiva il professor sò-tutto-io-voi-altri-siete-degli-ignoranti-leggetevi-le-carte-e-i-documenti, ancora non aveva letto la diffida del “dottor Michele Santoro”. A questo punto aspettiamo con ansia che giovedì Marchino si cosparga il capo di cenere. A meno che quella di Sant’Oro non è tutta una montatura, studiata ad arte con tanto di avvocato, per rispondere per le rime agli scherzi di Rds e aumentare qualche punto di auditel. Chi vivrà saprà.

Nel frattempo godiamoci uno degli scherzi di Joe Violanti:

votami-su-oknotizie

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di Luca Deiana il 11 novembre, 2008 - 5:37 pm

    Caro Malara, le vorrei far notare rispettosamente che un conto è una satira realizzata in un contesto totalmente a-reale, in cui tutti i personaggi sono CONSAPEVOLI del loro ruolo di attori, un conto è far interagire un finto-Santoro con un vero ministro che come tale potrebbe reagire imprevidibilmente alle cose che il finto Santoro dice. Perciò quella di Joe Violanti non è satira vera e propria, è un abuso della sua imitazione proprio per la presenza di personaggi inconsapevoli; non mi sembra peraltro che l’imitazione di Santoro fatta da Max Tortora tempo fa abbia indignato il conduttore, proprio perché era una satira seria, in un contesto chiaro e non ambiguo come quello di Joe Violanti.

  2. #2 di Domenico Malara il 11 novembre, 2008 - 6:01 pm

    Caro Deiana, apprendo solo ora che quando si tratta della sinistra c’è satira e satira. In questo caso addirittura c’è satira reale e satira a-reale. Magari lei è uno dei tanti che ha riso e magari anche difeso l’Unità quando pubblicò la vignetta di Mauro Biani sul ministro Brunetta (quella col fannullone con la pistola in mano puntata contro Brunetta, per intenderci). Mi chiedo: quella era satira reale o satira a-reale? Oppure come dovremmo definirla? E’ la serie di invettive della Guzzanti contro la Carfagna che tipo di satira è?
    Voglio inoltre farti notare che Joe Violanti alla fine della parodia si presenta e dice chiaramente al suo interlocutore che si tratta di uno scherzo (se non l’ha fatto la invito ad ascoltare per intero l’audio che ho inserito alla fine del pezzo). Quindi non mi sembra che ci sia niente di ambiguo. L’unica ambiguità è la doppia morale del caro Michele Sant’Oro.

  3. #3 di Simona il 12 novembre, 2008 - 2:41 pm

    Sono senza parole !!! … Lo leggo solo adesso e rimango basita … caro Santorello la delusione è tanta, da te non me la sarei mai aspettata, ma a ripensarci un pochino (visto tutte le censure sue avvenute sul forum di annozero, dove ora noi non possiamo ne più scrivere e nemmeno più commentare le nostre idee) forse forse, dal santorello bello ce lo si poteva letteralmente aspettare.

    che delusione però.

  4. #4 di Giovanni Bertini il 8 marzo, 2009 - 7:06 pm

    “A meno che quella di Sant’Oro non è tutta una montatura, studiata ad arte con tanto di avvocato, per rispondere per le rime agli scherzi di Rds e aumentare qualche punto di auditel. Chi vivrà saprà.”

    ..

    si dice “a meno che… non sia..” in Italiano.

    o no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: