A-a-bbronzatissimo

«Obama è giovane, bello e abbronzato»

Ebbene sì, c’è ricascato. Silvio alla battuta proprio non ci rinuncia. Quando può il nostro presidente del Consiglio con licenza di sorridere la spara lì in mezzo e chissenefrega. Alla faccia dei tanti giornalisti che non hanno di meglio da scrivere, se non le sue burle. Perché di questo s’è trattato e non di una gaffe, come molti continuano a chiamarla.

Ma è possibile che l’Obama abbronzato per due giorni è riuscito a fare dimenticare la crisi economica, la vicenda Alitalia, il decreto Gelmini, la riforma dell’università?

A proposito di gaffe. Chi si ricorda cosa disse Romano Prodi quando Berlusconi paventò il passaggio di alcuni senatori dal governo all’opposizione?

«Non sono preoccupato, perchè lo ha detto sempre. Poi è obbligato a dirlo, ha perso due elezioni, ha poco tempo davanti, ha fretta. Quindi, evidentemente lancia sempre messaggi che il governo cadrà domani, però sempre domani»

Mi sembra che quel “ha poco tempo davanti” sia tutt’altro che una battuta, addirittura un anatema. Eppure in quell’occasione nessuno s’indignò, nè gridò allo scandalo.

E Hillary Clinton, che durante la campagna per le primare del partito democratico americano, annerì il volto di Obama in un videospot elettorale? Come dire: “Cari americani, ricordatevi che lui non è proprio dei nostri, è un afroamericano. Quindi è meglio che votate per me”.

Gaffe? Battuta? No, razzismo bello e buono. Putiferio? Richiesta di scuse? Macchè, Hillary non è mica Berlusconi.

Lo stesso Barack Obama etichettò Sarah Palin, il vicepresidente designato da John McCain, «un maiale col rossetto». Ma anche in questo caso Barack non è mica Berlusconi da attirarsi le ire funeste dei giornalisti. Difatti Obama è più giovane, bello e abbronzato.

Che dire. Personalmente nella battuta di Berlusconi non ci trovo niente di così scandaloso e credo che anche Obama ci stia già facendo una risata sù. (do.mal.)

votami-su-oknotizie

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di Andrea il 8 novembre, 2008 - 10:55 am

    Beh, se sei in buona fede, allora hai capito poco (per essere gentile).

    Una cosa sono le accuse e gli scontri di una campagna elettorale, altro è fare battute di dubbio gusto su un capo si stato estero.

    Nel primo caso chi viola le regole minime – quali che siano – del vivere civile ne risponde lui direttamente agli elettori, e comunque si rimane nell’ambito delle reciprocità (nel senso che l’offeso può replicare – magari contestando che si sono superati i limiti della decenza, ad es.).

    Nel secondo caso siamo in un ambito di rapporti internazionali, Berlusconi a Mosca non rappresentava se stesso, ma tutto un paese di sessanta milioni di abitanti, e non ha fatto una battuta razzista (lo è – poche ciance) su Obama, ma sul futuro Presidente degli U.S.A., che, in quanto tale, rappresenta 300 milioni di americani.
    E se Obama in risposta si limitasse a dire che Berlusconi è vecchio, pelato, rincoglionito e pure abbronzato (ma di lampada) a me importerebbe poco; purtroppo però un tale comportamento comporterà sicuramente un raffreddamento delle relazioni Italia USA, e questo mi rode assai.

    Se sei in buona fede dovrebbe esserti chiaro.

    Dubito però tu lo sia

  2. #2 di Neclord il 8 novembre, 2008 - 1:04 pm

    Io sono altamente scioccato e incazzato per le continue prese per il culo a livello internazionale per colpa di questo disgraziato e di tutte quelle persone senza dignità che l’hanno votato. Sono stanco di conoscere cittadini europei e dopo aver detto il nome specificare che “i’m against mr. berlusconi”. Mi sembra di dover giustificare il mio cane che ha fatto pipì sul tappeto del vicino. Ma che cazzo succede in questo paese, siamo tutti laureati in “scienza del coglione” evidentemente, se permettiamo ad un mafioso di rappresentarci all’estero.

  3. #3 di Domenico Malara il 8 novembre, 2008 - 2:09 pm

    @Andrea
    Non credo proprio che Berlusconi con quella battuta (perché di battuta si tratta, il razzismo e tutt’altra cosa e se lo pensi quello ad essere in malafede sei tu) abbia offeso gli americani nè che abbia messo in ridicolo gli italiani.

    Tutti parlano di Berlusconi razzista. Credo che sia più razzista uno come Michael Jackson che rinnega i suoi tratti somatici fino ad annullarli schiarendoli.

    Gli americani sono un popolo abbastanza intelligente per comprendere il senso di quella battuta, tanto è vero che i giornali statunitensi non hanno montato la notizia così come è avvenuto in Italia.
    Addirittura tu ti preoccupi di un possibile raffreddamento dei rapporti Italia-Usa. Ma dai, non scherziamo.

    Ora mi chiedo: è possibile che fa più notizia una battuta di Berlusconi anzichè le minacce di Al Qaida a Obama? (almeno qui in Italia) Oppure è più pericoloso Berlusconi di Bin Laden?

    In ogni caso una bella lezione sulla differenza che intercorre tra offesa e battuta la offre nientepopodimenochè Andrea Camilleri. Parlando in un liceo di Roma lo scrittore ha detto del ministro Gelmini: “Non è un essere umano. Si dovrebbero chiamare i professori di chimica per capire che cos’è”. Questa è la sinistra che si indigna per le frasi di Berlusconi e poi fa peggio di lui.
    Per fortuna Weltroni, Fioroni e qualche altro hanno preso le distanze da quanto detto da Camilleri, ma non mi sembra che la notizia abbia fatto così scalpore.

    @ Neclord
    Per quanto mi riguarda il discorso potrebbe anche non interessarmi, visto che non ho votato Berlusconi, ma dire che tutte le persone che lo hanno votato sono senza dignità mi sembra un tantino offensivo. Per fortuna siamo in una democrazia e se per la terza volta Berlusconi è lì a rappresentarci un motivo ci sarà.
    Questo significa che l’antiberlusconismo in questi anni non ha sortito i risultati voluti, anzi ha rafforzato ancora di più Berlusconi. Forse l’indifferenza sarebbe la cosa migliore.

  4. #4 di Sololaverita il 8 novembre, 2008 - 3:23 pm

    Dopo la gaffe di Berlusconi, Barack Obama ha lanciato una nuova campagna: “Yew we tan”. Guarda qui la locandina: http://lucadeleone.com/?p=163

  5. #5 di Federico Minniti il 8 novembre, 2008 - 3:28 pm

    @ Andrea
    Rapporti tanto raffreddati che oggi Obama ha chiamato Berlusconi e non credo abbia fatto la ramanzina al nostro premier sulla battuta “abbronzato”. Catastrofismo a parte, purtroppo i giornalisti italiani vanno a nozze con queste notizie oscurando casi molto più gravi vedi il caso Cutroneo, il pm allontanato dalla Procura reggina, che riguardano i veri mafiosi e la vera relazioni fra essi e le istituzioni

    @Neclord
    Potresti cambiare, visto che siamo al 3 mandato Berlusconi, il copione che vi hanno assegnato i perbenisti della sinistra e che Travaglio vi ha inculcato in testa? Ok, sappiamo tutto di Berlusconi e delle sue magagne, ci possiamo indignare che sia possibile il fatto che sia eletto, ma da persone che credono (?) nella Repubblica Italiana, insultare un elettorato (anche se avverso a te) non credi sia stupido, anzi usando le parole del premier da te tanto odiato, da “coglione”? Niente di personale, spero non farai un invettiva su questa mia battuta. Non sono mica Berlusconi….

    @Domenico
    Antiberlusconismo? No è una tua impressione…

  6. #6 di ermeneuta il 8 novembre, 2008 - 3:30 pm

    Come ben sai, e come ho scritto nel mio blog, la penso molto diversamente da te, e ripeto quello che ti ho già detto.
    Berlusconi non ha fatto una gaffe, ha fatto veramente una battuta, secondo lui. Ma una battuta da imbecille, perché solo un imbecille può fare una battuta del genere.

    Ora tu mi dirai: Ma tu critichi Berlusconi perché fa una battuta stupidamente razzista, e poi lo offendi dandogli dell’imbecille?

    Sì, certamente. Lo offendo.
    E se mi dovesse, per qualche motivo querelare, potrò avere il piacere di ripeteglierlo una seconda volta.
    Tanto milioni da togliermi non ne ho.

    Quest’omuncolo sta ridicolizzando l’Italia all’estero, mentre internamente la sta completamente distruggendo, e mi sa che ha già lobotomizzato gran parte della gente.

    Ripeto, io a differenza di lui, mi assumo le mie responsabilità su quello che dico.
    Lui no, perché è un vigliacco, professionista in menzogne.

    Alla gente piace? Me ne frego, come direbbe qualcuno della sua coalizione.
    Ne riparleremo fra meno di un anno, quando avrà affossato l’Italia, cosa dirà la stessa gente che adesso lo difende o minimizza quello che ha detto.

    Hai mai visto, in tutta la storia contemporanea, un premier fare il buffone come Berlusconi ai summit internazionali.
    Fammi solo un nome, uno solo.
    Io non ne trovo.

    Salvo

  7. #7 di omnologos il 10 novembre, 2008 - 4:57 pm

    A qualche giorno di distanza, mi sembra chiaro che la battuta di Berlusconi era una battuta, e non una gaffe, e che la successiva montatura antiberlusconiana in Italia semmai ha dimostrato il razzismo strisciante insito in chi non pensa sia neanche possibile fare una battuta sul colore della pelle (come se Obama avesse bisogno di essere difeso, poverino!).

    Silvio ha passato la sua vita a cercare di sembrare giovane, bello e abbronzato. E’ chiato che e’ molto invidioso del President-elect e dubito che non ci siano molti che la pensino allo stesso modo.

    E poi insomma quando mai, che ne so, il Ku Klux Klan ha definito le vittime delle sue attenzioni con aggettivi come “giovane” e “bello”???

    ps dubito che le battute di Berlusconi possano fargli del male. Ormai si sa che “e’ fatto cosi'” e quindi non fa praticamente piu’ notizia

  1. A-a-bronzatissimo at Hillary Clinton On Best Political Blogs

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: