Reggio Calabria e il paese di Giufà

Oggi voglio parlare di Reggio Calabria. Avrei tanto da dire, ma più che della mia città, che la considero tra le più belle al mondo, vorrei parlare dei cittadini, i cossidetti reggini (ma forse sarebbe meglio dire rriggitani) che considero tra i più (…omissis…) del mondo.

Per farlo mi piace ricordare i versi di un grande poeta dialettale come Nicola Giunta.

Il lugomare di Reggio Calabria in una foto degli anni '50

Il lugomare di Reggio Calabria in una foto degli anni '50

In un certo senso Giunta è per Reggio quello che Trilussa è per i romani. Un poeta capace di ritrarre la sua città in modo impietoso, conosceva i reggini in tutte le loro sfaccettature, amava i loro pregi (pochi) e i loro difetti (tanti), le loro manie e le loro grandezze. Giunta fu precursore nel biasimare il cattivo gusto dei suo concittadini, nel condannarne le cattive abitudini e nello stigmatizzarne la loro natura antropologica: egli riuscì a dipingere la forma mentis del reggino meglio di chiunque altro.

Stare qui a elencare gli aggettivi che (s)qualificano i rriggitani sarebbe un esercizio banale e anche riduttivo, molto meglio queste due belle poesie di Giunta.

U paisi i Giufà

Chistu è u paisi aundi si perdi tuttu,
aundi i fissa sunnu megghiu i tia,
u paisi i “m’incrisciu e mi ‘ndi futtu”
e tutti i cosi sunnu fissaria…

…E ssi vò sapiri ‘n’atra i cchiù,
chistu è u paisi i “scindi e falla tu”!

Aundi c’è nu rittu disgraziatu:
“né ieu cuntentu, ne tu cunsulatu”!

Pirciò non resta chi nu fattu sulu:
mi iti tutti e mma faciti nto culu!

Il paese di Giufà

Questo è il paese dove si perde tutto
dove gli sciocchi sono meglio di te,
il paese di “mi annoio e me ne frego”
e tutte le cose sono sciocchezze…

…E se ne vuoi sapere un’altra in più,
questo è il paese di “scendi e falla tu”!

Dove c’è un detto disgraziato:
“nè io contento, nè tu consolato”!

Perciò non resta che un fatto solo:
che andiate tutti a faverla nel culo!

‘Nta ‘stu paisi ‘nc’esti sulu ‘a piria

‘Nta ‘stu paisi ‘nc’esti sulu ‘a piria,
‘a strufuttenza fissa, a ‘grandi bboria;
n’ta ‘stu paisi cunta sulu a ‘mbiria,
pirciò non sunnu tutti chi cicoria…

Erba nana ed amara, erba pirduta:
senza mâ provi, ‘a ggiùrichi â viruta;
e cca, sarbu a carcunu di ll’affritti,
su’ tutti storti ammanicati ddritti!

Nani su’ iddi e vonnu a tutti nani;
nci vannu terra terra, peri e mmani;
e, pâ malignità bbrutta e superba,
cca non crisci chi erba, erba, erba…

Arburi?… Si ccarcunu ‘ndi sciurisci,
‘nci minunu petrati non mmi crisci…
Arburi, nenti! comu all’âtri baandi,
chi unu si sciala chi mmì viri randi!…
Ambatula tu fai.. Rresti cu ‘ngagghiu…
Si senti sempri chi ‘nc’è fetu d’agghiu…
Cca ‘a fortuna non varda a ccu’ s’annaca,
ma passa ammenzu all’erba mi ‘nci caca…

Paisi d’erba i ventu’ e non di pianti:
va facitila a ‘n culu tutti quanti!
Si ‘nc’esti cacchir’uno chi s’affendi
mi scegghi ‘nu fanali e mi s’ampendi…

Ccà ‘nc’esti ‘nu cartellu aundi rici:
“Sti ‘ggenti tra di iddhi su’ ‘nnimici!”
Nimici i cui? Oh, frabbica di storti!
Sunnu sulu nimici da so’ sorti!
Nimici d’iddi stessi pi ppuntiggiu,
e i cchiù fissa dû mundu sunnu a Rriggiu!

In questo paese c’è solo la presunzione

In questo paese c’è solo la presunzione,
la strafottenza stupida, la grande boria;
in questo paese conta solo l’invidia,
perciò non sono tutti che cicoria…

Erba nana e amara, erba perduta:
senza provarla, la giudichi dall’aspetto;
e qui, tranne qualcuno degli afflitti,
sono tutti sciocchi travestiti da intelligenti!

Nani sono solo e vogliono a tutti nani;
strisciano terra terra, piedi e mani;
e, per malignità brutta e superba,
qui non cresce che erba, erba, erba…

Alberi?… Se qualcuno fiorisce,
gli lanciano pietrate per non farli crescere…
Alberi, niente! come negli altri posti,
dove uno ha la gioia di vederli grandi!…
Invano fai qualcosa… resti a bocca amara…
Si sente sempre che c’è puzza d’aglio…
Qui la fortuna non guarda a chi si sollazza,
ma passa in mezzo all’erba per sporcarla…

Paese d’erba di vento e non di pianti:
andate a farvela in culo tutti quanti!
Se c’è qualcuno che s’offende
che si scelga un lampione e che s’appenda

Qui c’è un cartello dove dice:
“Questa gente tra di loro sono nemici!”
Nemici di chi? Oh, fabbrica di stupidi!
Sono solo nemici della loro sorte!
Nemici loro stessi per puntiglio,
e i più stupidi del mondo sono a Reggio!

Non credo che ci sia da aggiungere altro. Probabilmente il mio giudizio sui rriggitani non conta nulla e può essere contestato quanto lo si vuole, spero che non si faccia altrettanto con quello di un grande poeta come Nicola Giunta. (do.mal.)

votami-su-oknotizie

Advertisements

, , , , , , , , , ,

  1. #1 di ermeneuta il 18 ottobre, 2008 - 2:47 pm

    Allarga il paragone a tutta l’Italia ormai, vedi che calza perfettamente, a pennello.

    Salvo

  2. #2 di Massimo Calabrò il 18 ottobre, 2008 - 3:24 pm

    Certo, forse un po’ troppo generalizzato ma condivisibile. Come se dicessi, ad esempio, che in una qualsiasi città ci sono le guardie ed i ladri oppure i buoni ed i cattivi. Bisognerebbe invece capire il perchè Reggio si è popolata di rriggitani e reggini ne rimangono sempre meno. Perchè se c’è una parte, molto piccola a mio giudizio, di reggini “trasformatisi” in rriggitani, c’è n’è un’altra, molto maggiore di rriggitani che ha “invaso” la città.

  3. #3 di Claudio Cordova il 19 ottobre, 2008 - 3:58 pm

    Hai scritto cose giuste, bravo. Ho sempre avuto una passione per gli autoritratti.

  4. #4 di michele marino il 20 ottobre, 2008 - 11:14 am

    Queste poesie sembrano delle cartoline, pian piano, mentre si legge riesci a vedere le immagini e i suoni. E i volti.

    m

  5. #5 di Daniele Romeo il 20 ottobre, 2008 - 2:27 pm

    ciao domenico,
    è la prima volta che scrivo sul tuo blog….mi pare che il grande Giunta abbia più volte descritto quello che tutti noi sappiamo e pensiamo di noi stessi (a volte un pò esagerando), ma che non abbiamo il coraggio di dire.
    Complimenti x il blog,
    dani

  6. #6 di Luigi il 12 ottobre, 2009 - 9:05 am

    Il punto Domenico, è che c’è un limite forte nella valutazione che dai sui reggini ed è dato dal fatto che parlare di ‘rriggitani è un vezzo tipico proprio di quelli che noi tutti di solito chiamiamo….’rriggitani!! Voglio dire in altre parole che quando cerchi di mettere in evidenza (giustamente) difetti e cialtronerie del popolo reggino (…e sono tante), finisci tuo malgrado risucchiato nello stesso vortice in cui si trovano più o meno tutti quei reggini quando si avventurano nel voler stigmatizzare i cosiddetti ‘rriggitani. L’obiettivo nel tuo caso è nobile da persona saggia quale sei, cioè stimolare un dibattitto costruttivo e chissà magari promuovere persino un utopistico percorso di redenzione per quei cittadini (i ‘rriggitani intendo) che hanno la fortuna di vivere in una delle città “tra le più belle al mondo”. Sbagliato però a mio avviso impostare tutto ciò sul discorso, come diceva Massimo Calabrò, buoni o cattivi, guardie e ladri. Avendo vissuto per sei anni a Roma posso testimoniare che di discorsi identici se ne fanno anche fuori da Reggio, semmai la particolarità (e qui si che ci sarebbe da aprire dibattiti…) è che altrove bene o male questi discorsi trovano sempre un limite in un forte senso d’orgoglio e d’appartenenza al proprio territorio che alla fine impedisce a chiunque di diventare autolesionista.

  7. #7 di giucopp il 25 agosto, 2010 - 8:59 am

    ciao domenico, io non sono reggino ma sono calabrese. La tua poesia rispecchia tutta la Calabria non solo REGGIO. c’è un detto in un pase in Calabria (terra russa e mali cristiani e si si vota ù ponente pura l’erva e malament) vorrei una Calabria bella e pulita dentro , ma dentro le persone.

  1. Strettamente indispensabile - Stile Reggina « L’Impiccione Viaggiatore
  2. I Bronzi di Riace nel paese di Giufà « Il blog di Domenico Malara
  3. Venditti vs Calabria: la vita in diretta… le figuracce pure! « Il blog di Domenico Malara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: