E Silvio obbedì a Tremonti. Grazie Giulio!

Ahi, ahi, ahi signor Silvio, lei mi casca proprio sull’uccello! Non c’è bisogno di andare ad Annozero perché stavolta Silvio il suo Travaglio ce l’ha in casa. Si chiama Giulio Tremonti, professione ministro dell’Economia. Il buon Giulio (non so perché ma questo nome mi ha sempre affascinato) ha clamorosamente sgamato il Berlusca con le mani nella marmellata.

Tra le righe del decreto Alitalia, infatti, vi era accuratamente nascosto un emendamento “salva manager”, che avrebbe permesso di riabilitare i furbetti del quartierino, responsabili dei recenti crack finanziari. L’articolo 7/bis del decreto Alitalia modificherebbe la legge Marzano sui salvataggi delle grandi imprese e quella sul diritto fallimentare del 1942. L’emendamento, infatti, dice che per essere perseguiti penalmente per una mala gestione aziendale è necessario che l’impresa si trovi in stato di fallimento. Se invece è guidata da un commissario, e magari va anche bene come nel caso della Parmalat, nessun pubblico ministero potrà mettere sotto processo chi ha determinato la crisi.

Emendamento, dunque, che avrebbero consentito a gente come Calisto Tanzi (Parmalat), Cesare Geronzi (Mediobanca) e Sergio Cragnotti (Cirio) di riacquistato lo status di verginità.

Avrebbero, perché il buon ministro Tremonti (lo stesso che con largo anticipo aveva previsto l’attuale catastrofe finanziaria, quanto tutti lo prendevano per il culo) ha letteralmente obligato il premier a cancellare quell’emendamento, pena le sue dimissioni dal governo. «O va via l’emendamento o va via il ministro dell’Economia», ha detto Giulio a Silvio nel corso dell’audizione al Senato di stamattina. Un “aut aut” che ha avuto effetti immediati, visto che la “salva manager” sarà cancellata dal decreto Alitalia. Una mossa che ha consentito a Tremonti di diventare, addirittura, il paladino dell’opposizione, con Giulio osannato e portato in trionfo da tutti, a cominciare da Veltroni per finire a Di Pietro.

A proposito di opposizione. Ma che fine avevano fatto Uolter, Di Pietro e company il 2 ottobre quando il decreto Alitana, comprensivo di emendamento “salva manager”, veniva discusso e approvato dal Senato? Boh!

Altra domanda. Perché appena Tremonti ha aperto bocca Silvio si è messo sull’attenti? Almeno per due motivi. Perché Tremonti (insieme al ministro Renato Brunetta) è il migliore economista che c’è in circolazione, l’unico insostituibile dell’esecutivo Berlusconi, soprattutto in un momento critico come questo. E poi, dettaglio non trascurabile, congedare Giulio in nome della “salva manager” significava aprire una crisi di governo dai risvolti imprevedibili che sarebbe stata cavalcata anche dalla Lega Nord, partito da sempre vicino al ministro Tremonti.

Permettetemi, infine, di dire la mia su Mara Carfagna. Ieri sera a Matrix il ministro delle Pari opportunità ha dato una grande lezione di stile, dimostrando di essere un politico non solo con le tette ma anche con le palle. Classico esemplare di gnocca con cervello. Ai detrattoti della Carfagna (leggi Sabina Guzzanti) vorrei ricordare che loro e quelli come loro hanno portato in Parlamento gente come Francesco Caruso. Ma questa è un’altra storia. (do.mal.)

votami-su-oknotizie

Advertisements

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di Lesath il 9 ottobre, 2008 - 4:49 pm

    E’ il primo governo in 60 anni di repubblica italiana in cui vedo ministri che cercano di rimettere in sesto il paese, siamo solo all’inizio, occoreranno altre iniziative atte a mandare a casa a pendate nel deretano i fanulloni che hanno vissuto di clientelismo partitico… saluti

    Lesath

  2. #2 di Antonino Monteleone il 9 ottobre, 2008 - 8:56 pm

    E’ il primo governo in 60 anni di repubblica italiana in cui vedo ministri che cercano di sembrare credibili dopo essere stati fotografati nudi su un calendario.

    Giulio Tremonti è un personaggio che, più volte, ho avuto modo di apprezzare.

    L’ultima volta, però, che Giulio fece un aut aut, fu cacciato per Siniscalco.

    am

  3. #3 di Marco il 10 ottobre, 2008 - 10:14 am

    Domenico,
    prima di dire che la Carfagna è un buon ministro aspetta i risultati. Sono bravi tutti a parlare e poi non a tutti è concessa l’opportunità di avere una trasmissione intera a disposizione per farsi conoscere, per giunta con un presentatore che ti sbava addosso tutto il tempo. La Guzzanti con Caruso non c’entra nulla. L’abitudine di fare di tutta un’erba un fascio non mi è mai piaciuta. La Guzzanti è un’autrice di satira nonchè libera cittadina e in un Paese libero, quale dovrebbe essere il nostro, non sarebbe oggetto di alcun linciaggio mediatico o condanna per avere espresso una opinione, seppur con i toni coloriti che lei è solita usare. Tremonti un buon economista? In Italia non esistono buoni economisti, e se esistono, non ci governano. l’Italia ha il secondo peggior debito pubblico d’Europa e i suoi conti sono in costante peggioramento. Con Tremonti o senza. Forse se ne intende, ma risultati non ne ha portati. Ergo, insegnasse all’Università e lasciasse che a governare ci vada gente in grado di cambiare le cose.

  4. #4 di Lesath il 10 ottobre, 2008 - 11:45 am

    fossi un politico non andrei ad un programma come annozero, ma andrei solo da vespa, è l’unico che è sempre al di sopra delle parti, non è simpatico ma sa moderare il suo programma.. saluti

    ethan

  5. #5 di Marco il 10 ottobre, 2008 - 12:10 pm

    Lesath, l’hai detta proprio grossa. Vespa al di sopra delle parti? Vespa è lo zerbino di chi è al potere, in particolare quando ci va Berlusconi o la Destra. L’hai vista la scorsa puntata con la Bindi, Di Pietro, Gasparri e Verdini? Vespa si è scagliato contro Di Pietro difendendo Berlusconi sui suoi processi prendendo palesemente le parti di Gasparri e Verdini. Nella scorsa campagna elettorale invitò gli esponenti di Forza Nuova e Rifondazione e altre frange estreme e li trattò come se dicessero una castroneria dopo l’altra. In particolare quando Fiore parlò di militarizzare la Campania Vespa quasi lo derise mentre adesso si sta facendo proprio così. Quando Dell’Utri fu condannato a 9 anni per mafia Vespa fece una puntata sul sesso a 60 anni o cose del genere. Quando Andreotti fu assolto e prescritto lui disse solo che è stato assolto e non citò l’altra parte della sentenza. Vespa fa disinformazione pura! E’ parte integrante di un sistema marcio dalla testa ai piedi. Per non parlare delle intercettazioni col portavoce di Fini. Lesath, il giornalismo non è Vespa.

  6. #6 di Lesath il 10 ottobre, 2008 - 3:06 pm

    non toccate andreotti, lui è l’innominabile, su di lui ci sono 60 anni di storia della democrazia italiana… comunque è sempre meglio vespa al qualunquista floris, travaglio, santoro & Co.

  7. #7 di Antonio Aprile il 11 ottobre, 2008 - 1:17 am

    Scusa, ma quando dici: “Tremonti (insieme al ministro Renato Brunetta) è il migliore economista che c’è in circolazione”, ti vorrei chiedere: in base a quali elementi formuli questo giudizio?

    A proposito di Brunetta: peccato che abbia scelto la politica. avremmo avuto un premio noble italiano in più… vedere per credere:
    http://www.youtube.com/watch?v=pXKBd3Cg8f0 .

    Pazzesco! ma ci rendiamo conto di chi siede al governo?

    quando dici: “Ma che fine avevano fatto Uolter, Di Pietro e company il 2 ottobre quando il decreto Alitana, comprensivo di emendamento “salva manager”, veniva discusso e approvato dal Senato? Boh!”, ti vorrei ricordare che innanzitutto le colpe sono di chi fa le cose. Chi non si oppone ha sicuramente le sue responsabilità, ma non possono essere sicuramente maggiori.

    per quanto riguarda la Carfagna: ora, bisogna evitare il razzismo al contrario, nel senso che non è che perchè una è bella deve necessariamente essere oca, o non essere capace. Il problema non riguarda il fatto che sia bella, ma il fatto che si ritrova a fare il ministro al termine di un percorso professionale di tutt’altro tipo. Al ministero ci vogliamo mettere gente che ha una carriera adeguata in materia alle spalle o quando parliamo di meritocrazia e citiamo brunetta facciamo solo chiacchiere che valgono per gli altri? Un pò di obiettività…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: