Lezioni di piano con l’Orchestra dei Valori

Davvero una brutta razza quella dei moralizzatori. Pessimi soggetti inclini a prediche fastidiose, sempre pronti a denunciare i presunti vizi altrui per costruirsi una patina di onorabilità che distolga l’attenzione dai vizi propri.
Predicare bene e razzolare male è un’usanza abbastanza diffusa anche nella politica. Anzi, soprattutto nella politica. Prendete Italia dei Valori. Il suo portabandiera, Antonio Di Pietro, sembra ogni giorno di più un Savonarola laico dei giorni nostri. Ha sempre un predicozzo pronto per qualcuno e l’assoluta convinzione di incarnare i valori di giustizia e legalità. È convinto di essere il solo a sapere cosa è bene e cosa è male e non passa giorno che non abbia l’indice puntato contro qualcuno.

Di Pietro è così preso ad accusare il centrodestra di attentare alla democrazia, da non accorgersi che uno dei kamikaze si annida proprio nel suo partito. Ma veniamo ai fatti. Mercoledì 1 ottobre si riunisce il Parlamento per la discussione del disegno di legge 1441-bis (Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria). Improvvisamente, soprattutto dalle fila dell’Italia dei Valori, si leva la voce del rigore, l’appello contro la doppiezza, l’imbroglio. Il moralizzatore di turno è il dipietrista Domenico Scilipoti, che si scaglia contro i pianisti: «Votare per due – dice – è un problema di mentalità e di comportamento che ognuno ha dentro la propria testa, nel proprio cuore e nella propria anima» (dal resoconto stenografico della seduta n. 58 della Camera dei deputati). Bravo, bene, bis!

Si arriva al momento del voto e cosa succede? Tra i tanti pianisti (di maggioranza e di opposizione), impegnati in assoli e virtuosismi, c’è anche, udite udite, il difensore del voto pulito, Domenico “Mozart” Scilipoti, altrimenti detto “il pianista sul Transatrantico”. Guardare per cerdere.

E lo sapete cosa aveva dichiarato Di Pietro lo scorso 10 giugno in occasione della votazione sul decreto Alitalia?  «Chi vota per due commette truffa aggravata». Beh, complimenti!

Chissà se monsignor Travaglio, nel suo sermone del giovedì sera ad Annozero, condannerà questa «truffa aggravata» oppure, misericordioso com’è, dispensera indulgenze. Secondo me Scilipoti può stare tranquillo. Visto che la parrocchia si chiama Italia dei Valori, al massimo rischia una messa cantata. Il pianista già c’è! (do.mal.)

votami-su-oknotizie

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di Federico Minniti il 4 ottobre, 2008 - 2:54 pm

    L’Italia dei Plusvalori..

  2. #2 di mascal il 4 ottobre, 2008 - 3:04 pm

    Incredibile caro Domenico, stavo aprendo lo stesso post. Mi hai bruciato sul tempo. Pensa che a Reggio Calabria, cosa che certamente saprai, ci sono associazioni di presunti moralisti che ieri hanno contribuito al sacco ed oggi credono di dare lezioni di moralità. Mah..

  3. #3 di Lewis il 20 dicembre, 2010 - 10:48 am

    finalmente Scilipoti trova la giusta collocazione politica.
    Vogliamo dire che si stava esercitanto per raggiungere quell’immenso mare della illegalità che si chiama PDL?
    Chissà chi avrà dato le lezioni a Scilipoti :D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: