Quando il Fini giustifica i mezzi

La politica è l’arte del possibile. Se c’è di mezzo lui, Gianfranco Fini, anche dell’impossibile. La sua linea politica è la svolta; se avesse un quotidiano tutto suo, lo chiamerebbe “Svolta continua”. Segno zodiacale camaleonte, cresciuto fra busti del Duce, camicie nere e l’orbace delle divise da gerarca fascista, Fini è figlio di una destra che era Dio, patria, famiglia, tradizione mischiata a futurismo, un po’ di reducismo e nostalgia, un po’ di feticismo e goliardia, saluti romani, circoli evoliani, nobiltà e sottoproletariato. Una destra povera, ma viva e nonostante tutto affascinante.

Oggi Fini è la brutta copia del Gianfranco che fu. Freddo e pragmatico, abiura tutto l’abiurabile e nel giro di pochi anni (e talvolta perfino di qualche mese o settimana) si appropria del più disinvolto laicismo, del più improbabile occidentalismo, del più sfacciato liberismo, voltando le spalle a quei milioni di elettori che erano di Destra non solo perché anticomunisti, ma perché portavano dentro di sé un mondo magari confuso, ma pieno di valori. Fini li lascia orfani e tristi. La grande stampa plaude, i militanti di vecchia data piangono. Qualcuno se ne va.

Gianfranco si è fatto tanto prendere la mano dal sentimento antifascista, che è arrivato a rinnegare anche la moglie Daniela Di Sotto (fascista della prima ora). L’ultima abiura è arrivata direttamente da Atreju, dove si è celebrata la festa dei giovani di An, nel corso della quale Fini ha ribadito la necessità per la destra di riconoscersi nei valori dell’antifascismo.

A questo punto c’è da chiedersi che fine, anzi che Fini abbia fatto il Gianfranco che a un Berlusconi che si affannava a strappargli via l’immagine di fascista, replicava: «Sono un postfascista, ma sarebbe meglio dire un fascista nato nel dopoguerra». O quello che nel libro “Il fascista del Duemila” di Corrado De Cesare, affermava che il compito della destra era quello di «attualizzare, in una società postindustriale alle soglie del 2000, gli insegnamenti del fascismo che ha lasciato un testamento spirituale, dal contenuto profondamente sociale, dal quale non possiamo prescindere». E, ancora, il 5 gennaio 1990 quando intervistato da “Il Giornale” disse: «Nessuno può chiederci abiure della nostra matrice fascista». Per non dimenticare, ovviamente, il Fini che il 30 settembre 1992 pontificava Mussolini definendolo «il più grande statista del secolo, esempio di amore per la propria terra e la propria gente. Un uomo che se vivesse oggi, garantirebbe la libertà degli italiani».

Fini è colui che nel 2003, appena divenuto ministro degli Esteri si reca in visita ufficiale in Israele e con assoluta naturalezza definisce il fascismo «il male assoluto». Da allora in poi fu un’escalation senza fine, dal voto agli immigrati all’apertura alle coppie di fatto e agli omossessuali, fino all’insegnamento del Corano nelle scuole statali.

Una grande lezione di coerenza Fini l’ha data poi tra dicembre 2007 e gennaio 2008. Queste furono le sue testuali dichiarazioni:
«Il Cavaliere ha distrutto la Cdl, e ora dovremmo bussare alla sua porta con il cappello in mano e la cenere in testa? Non siamo postulanti. Io tornare all’ovile? Sono il presidente di An, non una pecora» (Gianfranco Fini, 16 dicembre 2007)
«Condivido la proposta di Berlusconi di dare al popolo del 2 dicembre, al popolo della libertà, un’unica voce in Parlamento. E’ una pagina storica della politica italiana: il 13 aprile nascerà un nuovo grande soggetto politico ispirato ai valori del Partito popolare europeo e quindi alternativo alle sinistre. Mi auguro che gli amici dell’Udc vogliano scrivere questa importante pagina assieme a noi» (Gianfranco Fini, 8 febbraio 2008)

Il resto è storia recente. Il 30 aprile 2008 Gianfranco Fini viene eletto presidente della Camera dei deputati per il Popolo delle libertà. Postulanti? Pecore? Macché, si sa che la politica è macchiavellica e mai come in questo caso il Fini giustifica i mezzi! (do.mal.)

Consiglio di leggere l’interessante riflessione di Luca Telese.

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. Nome: Fini Gianfranco. Segno zodiacale: camaleonte! « Il blog di Domenico Malara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: