Home > Italia, Politica, Video > Ichino, se a tia u stage non ti piaci, fatti i cazzi toi!

Ichino, se a tia u stage non ti piaci, fatti i cazzi toi!

Calabresi

C’è puzza di magagna dietro l’appassionata difesa del futuro dei giovani calabresi, da parte di Giuseppe Bova, presidente del Consiglio regionale più indagato d’Italia. Quello calabrese, appunto. La magagna si chiama “voucher formativo”, la puzza la sente Pietro Ichino, giuslavorista e senatore del Partito democratico (stessa area politica del governo calabrese, per intenderci), ripetutamente minacciato di morte dalle nuove Brigate rosse.

La vicenda riguarda i cosidetti “voucher formativi” istituiti dal Consiglio regionale della Calabria e destinati ai migliori 250 (poi divenuti 500) laureati calabresi. Ciascuno dell’importo di 1.000 euro mensili per 24 mensilità, con uno stanziamento complessivo di 6 milioni di euro, per metà rivenienti dal bilancio regionale, per l’altra metà da contributi del Fondo sociale europeo. In sostanza, i 500 migliori laureati calabresi, con voto di laurea 110/110, saranno impegnati per due anni in stages formativi nelle pubbliche amminsitrazioni calabresi. «Al termine dei 24 mesi di stage – sostiene Bova – dovrà essere la Calabria a dimostrare come vuole utilizzare le sue migliori intelligenze».

Nei giorni scorsi si è conclusa la fase di apprendimento in aula, della durata di tre mesi, ed entro il 29 gennaio i 423 laureati calabresi saranno abbinati ai 170 enti pubblici sparsi nella regione, dalla provincia di Reggio al comune di Roccabernarda, dove inizieranno quello che è ormai per tutti “il superstage”: due anni di formazione a 900 euro al mese netti per 1.500 ore di lavoro all’anno che, tolti i weekend, significa un impegno di 5,7 ore al giorno.

ichinoL’autorevole Pietro Ichino, però, sente puzza di magagna. «È scandalosa – dice il giuslavorista in un’intervista a Corriere.itla durata di questi stage, doppia rispetto al limite di legge, e lo è anche l’entità del compenso, decisamente abnorme rispetto a quel che accade normalmente. Ho organizzato decine di stage ogni anno, in passato, per i miei studenti: non duravano mai più di sei mesi e, di norma, il compenso andava dai 400 ai 600 euro. Per il modo in cui questa cosa è stata attivata il contenuto formativo mi sembra del tutto formale, non sostanziale».

Vicenda chiusa? Proprio per nulla. Ichino scrive una lettera al governatore della Calabria Agazio Loiero e il 15 gennaio presenta un’interrogazione parlamentare al ministro del lavoro, al ministro della funzione pubblica e al ministro per le politiche comunitarie.

giuseppe-bovaPer non farla lunga, vi rimando al blog di Pietro Ichino, dove è possibile leggere il seguito della querelle, con la replica di Loiero e quella molto prosaica e appassionata di Bova, nella quale il numero uno dell’assemblea legislativa calabrese sembra dire al giuslavorista: «Ma come, noi tentiamo di offrire ai migliori giovani laureati un’opportunità per fare un’esperienza di alta formazione nella loro regione e lei ci rema contro?» Come dire: caro Ichino, se a tia u stage non ti piaci, fatti i cazzi toi!

Alla replica di Bova segue la controreplica di Ichino:

Ringrazio il presidente Bova di questa risposta molto tempestiva; essa non è, però, altrettanto esauriente, anzi elude i quattro punti decisivi della questione. In particolare:

- essa nulla dice circa la durata abnorme di questi “stage”, addirittura doppia rispetto al termine massimo fissato dalla legge (ciò che configura una grave irregolarità, suscettibile di dar luogo alla contestazione di dissimulazione di effettivi rapporti di lavoro subordinato sotto l’apparenza di stage formativi);
– non spiega che senso abbia trattenere centinaia di laureati eccellenti per due anni presso le amministrazioni pubbliche calabresi, dal momento che nello stesso tempo si danno assicurazioni sul punto che non sarà presso le amministrazioni ospitanti che i giovani troveranno il lavoro vero, al termine del biennio;
– la lettera di Bova non spiega a che cosa sia servito (e a che cosa potessero mai servire) per queste centinaia di laureati eccellenti i tre mesi iniziali di “percorso formativo di orientamento e accompagnamento all’inserimento”, da loro svolti e terminati proprio in questi giorni, trattandosi di un “percorso” del tutto indifferenziato e in nessun modo collegato alle specificità di ciascun singolo “progetto formativo”;
– la lettera non spiega, infine, quale senso abbia che questi pretesi “stage” formativi, destinati nominalmente ad addestrare i giovani interessati all’innovazione nelle amministrazioni pubbliche, si svolgano presso amministrazioni che tale innovazione non hanno ancora sperimentato: non sarebbe stato più logico, se questo fosse stato davvero lo scopo dell’iniziativa, inviarli presso amministrazioni di altre Regioni e Paesi, in modo che essi ivi attingessero il know-how e le professionalità che in Calabria fanno difetto?

Ora si capisce cosa intendeva Agazio Loiero quando per uno dei suoi libri scelse il titolo L’impossibile altrove. Una lusinga o una minaccia? Titolo che nella versione inglese potrebbe essere tranquillamente tradotto in Calabria, impossible is nothing!

Detto questo, vi invito a guardare attentamente il video e trovare, se siete capaci, le differenze. Io non ci sono riuscito!

votami-su-oknotizie

About these ads
Categorie: Italia, Politica, Video
  1. 16 gennaio, 2009 alle 1:12 pm

    è proprio vero certe volte la fantasia supera i limiti della realtà: non me ne vogliano i partecipanti al superstage però quì non c’è puzza di magagna ma di supermega inciucio, anzi, passatemi il termine, di truffa “ai danni dei contribuenti”.

    ma si sà il nostro caro governo regionale sta tentando in tutti i modi di entrare nel guinness dei primati: oltre ad essere un manipolo di inquisiti che a questo punto il tutto appare secondario.

    Napolitano che oggi è a Reggio di questo se ne sta occupando? Macché!

    Calabria, terra da “disconoscere”…

  2. 16 gennaio, 2009 alle 1:36 pm

    Pensa, caro Federico, che sono fieri di essere riusciti a istituire questi voucher formativi grazie all’abbattimento dei costi della politica regionale. Infatti, poco dopo questo annuncio che hanno fatto? Bova e company hanno fatto passare in vergognoso silenzio l’emendamento alla manovra finanziaria regionale che ha aumentato lo stipendio dei capigruppo consiliari di oltre 1.300 euro al mese.

    P.S.: Oltre ad essere il Consiglio regionale più inquisito d’Italia, ti ricordo che è anche quello più pagato.

  3. 17 gennaio, 2009 alle 12:28 am

    La politica forse non è mai stata la tutela della Res Publica, ma quella dell Res privata…
    In quei palazzi, purtroppo vedo solo del marcio… e non credo piu’ a nulla
    A presto

  4. milena
    17 gennaio, 2009 alle 9:15 am

    Mi compiaccio x questo articolo… mi piace proprio tanto… si legge per comprendere e per formarsi un opinione libera giusto?
    Ecco quello che mi sovviene… perchè lo fanno di dar tanti quattrini?
    Un motivo “pensiero cattivo” xchè così passa sotto silenzio che pure loro si pagano benino..
    Pensierino buono? credono nei giovani laureati (chissà chi li ha laureati!)
    l’impiego nella ammiinstrazione calabrese rimanda un immagine positiva su quella amministrazione in cui son presenti giovani con ottimi profili.
    La durata del contratto consente di sperimentare in 2 anni il nuovo che sapranno portare col loro sapere fresco. Vedremo quindi grandi trasformazioni positive.
    Dare un incentivo alto in termini di compensi e tempo di impiego eviterà l’emigrazione di competenze fresche….

    Altro pensierino cattivo… e se invece di essere i giovani con le loro NOVITA’ a trasferire nuove competenze nelle amministrazioni fosse che le amministrazioni insegnano il vecchio sistema… te ne stai qua buono e qualcosa ti facciamo fare… anzi farai qualcosa anche al posto mio?
    … in effetti se il corso è già cominciato così…mmm

  5. Antonio Aprile
    17 gennaio, 2009 alle 11:51 am

    Un’altra grande presa per i fondelli. Ha fatto bene Ichino.
    Se il futuro sono i giovani, e i giovani sono quelli di Bova siamo messi proprio male…

  1. 27 ottobre, 2010 alle 8:41 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: